Amici della Musica: l'atteso concerto di Ezio Bosso al Teatro di Verdura :ilSicilia.it
Palermo

Unica data a Palermo

Amici della Musica: l’atteso concerto di Ezio Bosso al Teatro di Verdura

di
5 Agosto 2017

Il palco del Teatro di Verdura, lunedì 7 agosto, ospiterà la prima tappa siciliana del compositore e pianista italiano Ezio Bosso, nell’evento “The 12th Room”.

Il concerto che vedrà Bosso a Palermo fa parte della programmazione, fuori abbonamento, degli Amici della Musica.

Sul palco il pianista riproporrà i brani che compongono l’omonimo doppio album, prima sua pubblicazione.

Le tracce raccontano la passione dell’autore per la musica attraverso un percorso simbolicamente fatto di stanze, che rivelano da dove egli proviene e dove si trovano le radici della musica che scrive, per arrivare fino alla dodicesima stanza, quella della compiutezza dell’ascolto e della consapevolezza.

“The 12th Room” tour rappresenta ad oggi una delle tournèe di maggior successo di tutti i tempi nel nostro paese, avendo totalizzato solo nel 2016, un pubblico di oltre centomila; e ancora oggi è uno degli appuntamenti più attesi nei teatri e nei festival italiani.

Definito eclettico, versatile e generoso, Bosso si avvicina alla musica all’età di quattro anni, grazie alla prozia pianista e al fratello musicista, debuttando a sedici anni in Francia come solista e collaborando con diverse orchestre europee.

Nel 2011, in seguito ad un intervento dovuto all’asportazione di una neoplasia, è stato colpito da una sindrome neurodegenerativa che però non gli impedisce di continuare a suonare e a dirigere.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.