"Amici della Musica": Paolo Restani chiude la prima parte della stagione 2018 :ilSicilia.it
Palermo

E' uno dei maggiori interpreti di Listz

“Amici della Musica”: Paolo Restani chiude la prima parte della stagione 2018

di
21 Maggio 2018

L’ultimo concerto, prima della pausa estiva, per la stagione 2018 degli “Amici della Musica” vedrà come protagonista, martedì 22 maggio alle 21, il pianoforte di Paolo Restani.

Sul palco del Teatro Politeama Restani eseguirà  musiche di Sergej Rachmaninov (Preludio op. 32 n. 10 in si minore,  Preludio op. 32 n.12 in sol diesis minore, Preludio op. 32 n. 5 in sol maggiore, Preludio op. 3 n. 2 in do diesis minore), Giuseppe Verdi-Franz Liszt (Aida: Danza sacra e duetto finale, Miserere du Trovatore, Rigoletto: Paraphrase de Concert), Richard Wagner-Franz Liszt  (Feierlicher Marsch aus Parsifal), Franz Liszt (da Douze Études d’exécution transcendante, Rhapsodie espagnole).

Restani, allievo fino al 1984 di Vincenzo Vitale, si è poi perfezionato con Gerhard Oppitz all’Hochschule für Musik und Theater di Monaco di Baviera, Peter Lang al Mozarteum di Salisburgo, Gustav Kuhn, Piero Rattalino, Aldo Ciccolini, Nikita MagaloffVladimir Ashkenazy; ha inoltre studiato composizione con Paolo Arcà e Bruno Bettinelli.

Dopo il debutto in recital nell’83 all’Accademia Nazionale di Santa Cecilia a Roma, viene scritturato dai maggiori teatri italiani. Nel corso dell’ormai trentennale attività concertistica internazionale, innumerevoli le sue partecipazioni solistiche con orchestre d’Europa, America e Australia.

Il suo repertorio spazia da Bach ai contemporanei. La predilezione per il repertorio del Romanticismo e del ‘900 storico lo porta ad affrontare la maggior parte delle opere di Field, Chopin, Schumann, Brahms, Debussy, Ravel, Strawinsky, Rachmaninov, Casella. La dedizione all’opera di Liszt lo rende uno dei suoi maggiori interpreti.

Riccardo Muti lo dirige, nel giugno 2004, con l’Orchestra Filarmonica della Scala nel Concerto nr. 2 di Liszt e, nel 2008, nella produzione sinfonica Lélio ou Le Retour à la vie op. 14b di Berlioz accanto a Gérard Depardieu, l’Orchestra Luigi Cherubini, l’Orchestra Giovanile Italiana, il Konzertvereinigung Wiener Staatsopernchor.

Prestigiosi anche i festival in cui è regolarmente ospite in tutto il mondo.

Oltre alla carriera solistica, si dedica a collaborazioni cameristiche e teatrali. Ha lavorato con Carla Fracci, Sylvie Guillelme, Laurent Hilaire, Enrico Maria Salerno, Simona Marchini, Mariano Regillo, Gottfried Wagner.

La stagione concertistica riprenderà a novembre, lunedì 12, alle 17.15, con il Trio “All’opera!”, martedì 13, alle 21, sarà la volta di Fontana Mix.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin