“Ammatula”: un unico significato con tante ipotesi etimologiche :ilSicilia.it

Siciliani semu

“Ammatula”: un unico significato con tante ipotesi etimologiche

di
2 Giugno 2020

Siciliani semu e, quindi, per dimostrare amore per la nostra poetica e colorata lingua, vogliamo raccontarvi l’origine etimologica variegata della parola “Ammatula” o “Ammatila”, a seconda della provincia. Se sentite dire “parrari ammatula” sappiate che non è un complimento in quanto significa parlare inutilmente, col velato consiglio di non dare fiato alla bocca se non si è sicuri di quello che si sta dicendo. Insomma, come direbbe Oscar Wilde: “A volte è meglio tacere e sembrare stupidi che aprir bocca e togliere ogni dubbio”.

Andiamo alla scoperta della sua origine, facendo un salto nel Medioevo in cui “la matula” era un’ampolla di vetro chiaro e sottile, racchiuso in una fasciatura di paglia con coperchio e manico, che veniva utilizzato per la raccolta delle urine dei pazienti. Si narra che i medici del tempo non molto capaci di utilizzare questo strumento, spesso non diagnosticando correttamente le malattie, condannavano a morte certa i malati. Da qui i parenti, addolorati e increduli, cominciarono a usare espressioni come: “È stato curato a matula”. Qui, però, appare la prima incoerenza in quanto la matula, considerata simbolo di una anamnesi infallibile, contrasterebbe con la prima ipotesi che tuttavia volevamo farvi conoscere per darvi un quadro generale il più possibile composito. Altra versione la farebbe derivare dal latino “ad mentula”, l’organo riproduttivo maschile, nel significato di “casaccio“, cioè “fare le cose a cavolo”, eufemismo meno forte da quello usato più comunemente, di cui l’ideatrice potrebbe essere una donna non tenera con gli uomini. La Sicilia, inoltre, essendo coacervo culturale, non poteva farsi mancare l’origine greca, “màten”, invano, oppure quella araba “batil”, diventata, in seguito, “debades” in catalano, “en de bados” in occitano ed “en balde” in spagnolo, con lo stesso significato. Probabilmente la parola siciliana originaria era a “mbàtula”, di cui le varianti in palermitano sono: mmàtula, a mmàtula e màtula.

Il termine “Ammatula“, però, ingloba anche una curiosa leggenda, secondo cui deriverebbe da “màttula”, “cotone“, per il fatto che, anticamente, ai novelli sposi veniva donato un tubo foderato di raso all’interno e pieno di bambagia che, nella prima notte di nozze, era strategicamente collocato sotto le lenzuola del talamo perché, visto che durante il banchetto ci si abbandonava a grandi abbuffate, temendo i rumori disturbanti la neonata intimità, avrebbe dovuto dirottare le arie fuori dal letto. Questo marchingegno, nonostante la lunghezza, risultò inutile all’uso e da qui nacque l’espressione “longu  a màtula”, per indicare un procedimento tanto arzigogolato quanto inutile e, in seguito, una persona che, oltre all’altezza, non possedeva nulla.

Dopo quest’ultima boutade tacciamo per non “parrari ammatula“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Credete che stiano dormendo?”

Non voglio ritornare a quel mondo malato, Io mi auguro di venirne fuori, quantomeno fisicamente, ma dovremmo fare un patto, un vero patto collettivo affinché si prenda insegnamento di tutto quanto ciò e si possa per una volta dire: “mai più!”. La riflessione di Epruno.
Balzebù
di Balzebù

M5S, la nuova spaccatura che sa di rottura definitiva del giocattolo

E’ cominciata molto prima del previsto la parabola discendente del Movimento 5 stelle. Probabilmente, non arriverà neanche alle prossime elezioni. Il disfacimento della creatura di Beppe Grillo è sotto gli occhi tutti. Ma nessuna sorpresa: un partito fondato soltanto sulla protesta non poteva avere un futuro

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin