Amministrative a Messina, Sciacca: "Disoccupazione drammatica, con noi la svolta" :ilSicilia.it
Messina

Il candidato del M5S espone il programma

Amministrative a Messina, Sciacca: “Disoccupazione drammatica, con noi la svolta”

18 Maggio 2018

La mia scelta di scendere in campo è un atto dovuto nei confronti dei cittadini: voglio restituire a Messina tutto ciò che mi ha dato, mettendo in campo la competenza accumulata in tanti anni di lavoro”. Così Gaetano Sciacca si rivolge ai messinesi nella sfida che si avvia all’atto finale per la sindacatura di Messina. Il candidato sindaco del Movimento Cinque Stelle si mostra determinato e vuole contendere fino in fondo la poltrona di primo cittadino agli avversari, a partire dal favorito della partita elettorale del 10 giugno, il leader del centrodestra Dino Bramanti.

“Tutti sanno che sono l’ex ingegnere capo del Genio Civile e dirigente tecnico – spiega Sciacca – ma tutti conoscono soprattutto come ho operato, sempre nell’interesse di Messina e dei messinesi. Nel corso della mia lunga esperienza al servizio della collettività ho svolto diversi incarichi dirigenziali, fra i quali quello inerente la ricostruzione delle zone alluvionate in seguito alla tragedia di Giampilieri, dell’ottobre 2009, e il ruolo di Ispettore territoriale del lavoro, che mi ha permesso di toccare con mano la drammatica situazione occupazionale in città. I problemi della città sono tanti, ma il più grave di tutti è la ‘rassegnazione’. Il compito di un sindaco non è soltanto quello di superare le numerose questioni irrisolte della nostra città, ma anche quello di avere una visione chiara di futuro. Siamo convinti che Messina abbia più che mai bisogno di un progetto politico serio e concreto, che risponda ai reali bisogni dei cittadini, con immediati interventi nei quartieri a rischio e progetti a breve termine per restituire alla città decoro, futuro e bellezza. Per questo, insieme al Movimento 5 Stelle, abbiamo scritto un programma condiviso per amministrare nel segno della valorizzazione del territorio, del cambiamento e della partecipazione, con l’obiettivo di riqualificare l’intero tessuto urbano”.

“I progetti che abbiamo in cantiere per Messina sono numerosi – spiega il candidato sindaco dei pentastellati – e vanno dalla messa in sicurezza delle aree fragili, alla riscoperta del suo habitat naturale, un unicum paesaggistico con pochi eguali al mondo. Senza dimenticare, ovviamente, le nostre periferie, la cui riqualificazione è “al centro” del nostro programma elettorale, e il problema occupazionale. Infatti, uno dei nostri obiettivi principali sarà proprio quello di creare nuove condizioni che possano favorire un aumento dell’occupazione, affinché i tanti giovani che oggi partono e lasciano la città e la regione possano costruirsi una vita dignitosa nella loro terra. Il nostro è un sogno concreto che intendiamo realizzare passo dopo passo, migliorando il decoro urbano e rilanciando l’economia e il turismo, con l’obiettivo di riappropriarci, innanzitutto, del nostro millenario legame con il mare: il bene più prezioso che, per troppo tempo, ci è stato negato”. Sciacca ha anche richiamato, tra i vari punti, le opportunità di rilancio dell’edilizia e le attuali normative “Ecobonus” e “sismabonus”, “che nello specifico, prevedono la detrazione fiscale fino al 85%, in 5-10 anni, delle spese sostenute per l’adeguamento sismico ed energetico degli edifici, mettendo fine al problema della mancanza di liquidità o della incapienza fiscale. Uno strumento fondamentale per dare nuova linfa al settore e per riqualificare il patrimonio immobiliare, nel pieno rispetto del territorio”.

“Ci attende un impegno lungo e difficile, che intendiamo affrontare con il massimo entusiasmo, se avremo la fiducia dei cittadini – aggiunge Sciacca – se vogliamo bene a questa città, non possiamo girarci dall’altro lato: dobbiamo rimboccarci le maniche e dobbiamo avere il coraggio di metterci in gioco per regalare ai nostri figli un futuro migliore”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.