26 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 16.09
Trapani

Si fa portavoce del progetto "Grande città"

Amministrative a Trapani. D’Alì, il senatore che vuole fare il sindaco [Foto]

7 Giugno 2017

Tra gli aspiranti a sindaco di Trapani, in vista delle elezioni amministrative, previste per l’11 giugno, c’è il senatore Antonio D’Alì.

L’esponente di Forza Italia ha deciso di portare avanti la propria candidatura, nonostante, nelle scorse settimane un provvedimento della Dda di Palermo, con la quale si chiedeva per lui l’obbligo di soggiorno, abbia investito in pieno la campagna elettorale trapanese.

Qualche giorno dopo, in un’accorata lettera ai propri concittadini aveva motivato la propria decisione di restare in corsa, spiegandone con forza le ragioni e chiedendo “la verità”“Noi siamo persone perbene e tenaci nell’affermare la verità – aveva scritto – Ci difendiamo e vinciamo nelle sedi opportune e siamo uomini e donne che rispettano le istituzioni”.

Candidato di una coalizione, denominata “Progetto per il territorio”, sostenuta da Forza Italia, Partito socialista, Noi con Salvini e Noi per Trapani, il senatore spiega la propria scelta d'alìdi candidarsi a primo cittadino con la lunga esperienza politica maturata. “Ho sempre dedicato il mio impegno politico a favore dei cittadini, con passione e senso di responsabilità. Mi sono sempre battuto – puntualizza D’Alì – in Senato e non solo, perché al nostro territorio fossero destinati finanziamenti per la realizzazione di importanti infrastrutture, per il recupero del nostro patrimonio edilizio e architettonico, per lo sviluppo del turismo e la realizzazione di grandi eventi”.

Tra i punti principali racchiusi nelle 100 idee del suo programma elettorale, la “valorizzazione del territorio attraverso il turismo, la cultura e il potenziamento delle infrastrutture, in modo da consentire un facile collegamento delle aree periferiche al centro urbano”. Per poi spaziare dall’urbanistica al porto, all’aeroporto e ai servizi sociali.Investiremo sulle frazioni, non solo per superare la trascuratezza del passato, ma anche per incrementare le potenzialità di quei territori”, puntualizza.

Il tema fondante della sua campagna, è quello della “Grande città”: un progetto, inteso come una sorta di “città metropolitana”, che comprende Erice e si spinge sino a Valderice e Paceco.

Un progetto innovativo e ambizioso,  – spiega – per il futuro del territorio trapanese, pensato per i cittadini, per le loro esigenze e speranze, che nasce dall’improrogabile necessità di sanare le ferite amministrative e urbanistiche che lacerano il territorio trapanese, ma guarda oltre il futuro”.

 Intanto, in questi ultimi giorni prima del voto continuano gli incontri di confronto e proposte con i cittadini.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.