Amministrative, ballottaggi in Sicilia: al voto otto comuni :ilSicilia.it

domenica 24 e lunedì 25

Amministrative, ballottaggi in Sicilia: al voto otto comuni

di
22 Ottobre 2021

Si torna al voto domenica, e lunedì fino alle 15, negli otto comuni siciliani superiori a 15 mila abitanti dove gli elettori sono chiamati per i ballottaggi. Cinque comuni hanno eletto i sindaci al primo turno.

Si vota anche nei due comuni sciolti per mafia: Torretta (Palermo) dove i candidati sindaco sono due (urne aperte dalle 7 alle 23 di domenica) , e a Misterbianco (Catania), quasi 50 mila abitanti, dove i candidati sono quattro: Nino Di Guardo (appoggiato anche da Pd) che è già stato sindaco 5 volte, Ernesto Calogero, Giuseppe Corsaro (appoggiato da Fi e Fdi) e Massimo La Piana del M5s. Anche qui si vota solo domenica eventuale ballottaggio il 7 novembre.

Riflettori puntati sulle sfide a Vittoria, Favara e Lentini dove ci sono candidati appoggiati dal Centrosinistra contro quelli di Centrodestra.

A Vittoria, comune agricolo ragusano con oltre 50 mila elettori chiamati alle urne sarà sfida tra Francesco Aiello sostenuto da una coalizione di centrosinistra e Salvo Sallemi, sostenuto dal centrodestra. Aiello è arrivato ad una manciata di voti dalla soglia che gli avrebbe consentito la vittoria al primo turno, raccogliendo il 39,3% dei consensi, mentre il suo competitor Salvo Sallemi si è attestato al 29,2%.

A San Cataldo (Caltanissetta) ballottaggio tra il candidato giallorosso Gioacchino Comparato (M5s-Pd) col 25% dei voti e il candidato di Fdi-Lega Claudio Vassallo col 20%.

A Rosolini (Siracusa) ballottaggio tra Giovanni Spadola appoggiato da liste civiche e Concetto Di Rosolini appoggiato da Fratelli d’Italia.

A Favara (Agrigento) vanno al ballottaggio Antonio Palumbo (37,3%), appoggiato dal Pd e da liste civiche e Salvatore Montaperto (34,5%) appoggiato da Fratelli d’Italia, Diventerà bellissima e Udc.

Ad Adrano (Catania) vanno al ballottaggio Carmelo Pellegriti che ha il 39,14 % dei voti ed è appoggiato da FdI e Udc e Fabio Mancuso appoggiato da liste civiche e Mpa che ha il 29 %.

A Canicattì (Agrigento) il ballottaggio sarà tra il due volte sindaco Vincenzo Corbo (35,2%) sostenuto da due liste civiche e l’editore web Cesare Sciabarrà (29%) appoggiato da Fratelli d’Italia e da due liste civiche.

A Lentini (Siracusa) vanno al ballottaggio Saverio Bosco (34,7 %) appoggiato da liste civiche di centrodestra e Rosario Lo Faro (23,7%) appoggiato da M5s, Pd e civici.

Infine a Porto Empedocle ballottaggio tra Calogero Martello, Civiche e Forza Italia e Salvo Iacono appoggiato da liste civiche.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin