Amministrative, Carini al ballottaggio: candidato sconfitto M5S a sostegno del centrodestra :ilSicilia.it
Palermo

gli schemi politici

Amministrative, Carini al ballottaggio: candidato sconfitto M5S a sostegno del centrodestra

di
11 Ottobre 2020

Il Comune di Carini andrà al ballottaggio. A contendersi la poltrona del piccolo paese in provincia di Palermo sono Giovi Monteleone sostenuto da liste civiche e il candidato della coalizione del centro destra Salvatore Sgroi.

Ciò che ha fatto scuotere la politica a Carini è il sostegno del candidato del Movimento 5 stelle Ambrogio Conigliaro sconfitto a primo turno proprio nei confronti di Sgroi. Anzi, qualora dovesse vincere il ballottaggio il papabile primo cittadino del centro destra, è già stata promessa una poltrona d’assessore a Conigliaro.

Al momento non è chiaro quale scenario si vedrà all’interno del consiglio comunale a causa di questi apparentamenti.

Stupisce che a Carini il candidato sindaco del movimento 5 stelle accetti di essere indicato assessore nella squadra del centro destra che sfiderà al ballottaggio Giovì Monteleone. Un imbarazzo che sarà risolto, ne sono certo, dagli elettori del movimento che sapranno scegliere tra un sindaco, Monteleone, che ha fatto della lotta all’abusivismo edilizio e la tutela dell’ambiente la propria cifra di governo e una coalizione di destra smaniosa solo di riportare al potere il partito degli speculatori“. Afferma tramite una nota Claudio Fava, deputato regionale del gruppo Misto.

M5s: segnalazione probiviri per ex candidato sindaco Carini

“Apprendiamo con rammarico dalla stampa che a Carini l’ex candidato sindaco ed ex consigliere comunale del Movimento 5 Stelle, Ambrogio Conigliaro, al prossimo turno di ballottaggio in quel Comune del Palermitano avrebbe deciso di sostenere elettoralmente il candidato espressione, tra gli altri, di Forza Italia, della Lega – Noi con Salvini e di Diventera’ Bellissima. Da questo candidato, sempre secondo quanto riportato, Conigliaro avrebbe riservato un posto in giunta. Il Movimento 5 Stelle stigmatizza e prende nettamente le distanze da questo eventuale scenario e comunica che, se tutto quanto appreso dovesse rispondere al vero, deferira’ Conigliaro al collegio dei probiviri del Movimento per i provvedimenti conseguenti”. Lo affermano i senatori e i deputati alla Camera e all’Ars del M5S della provincia di Palermo. “Il M5S – proseguono i portavoce – ribadisce che per i prossimi ballottaggi in Sicilia non da’ nessuna indicazione di voto e che lascia ad attivisti e simpatizzanti 5stelle piena autonomia secondo liberta’ di coscienza”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

VaffanCovid

A te che vuoi toglierci tutte le speranze ed i progetti sul futuro, a te che pretendi di non darci nessuna tregua, un sincero ed accorato... VaffanCovid!

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Agenda

di Renzo Botindari

Memento di una Persona Perbene

Mentre tutti oggi onorano la rimembranza di questi personaggi, io amareggiato penso a quelle che saranno state le loro ultime ore di vita, delusi, traditi e chiusi in sé stessi nell’attesa che qualcosa di brutto potesse accadergli.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin