Amministrative e ballottaggi: i comuni al voto domenica 26 giugno :ilSicilia.it

Sicilia al voto

Amministrative e ballottaggi: i comuni al voto domenica 26 giugno

di
25 Giugno 2022

Sciacca, Villafranca Sicula, Palagonia e Scicli. Sono questi i comuni siciliani in cui si andrà al ballottaggio domenica 26 giugno.

A due settimane dal primo turno si tornerà a votare in questi quattro comuni siciliani dove, i cittadini eleggeranno, nel turno di ballottaggio, i rispettivi sindaci. Urne aperte dalle 7 alle 23. Si vota in tre grossi centri (superiori ai quindicimila abitanti): Sciacca, in provincia di Agrigento (dove si confronteranno Ignazio Messina e Fabio Termine); Palagonia, nel Catanese (Salvatore Astuti e Francesco Calanducci); Scicli, in provincia di Ragusa (Mario Marino e Caterina Riccotti). Seggi aperti anche nel piccolo Comune di Villafranca Sicula, sempre nell’Agrigentino, dove il 12 giugno i due candidati (Domenico Balsamo e Gaetano Bruccoleri ) hanno ottenuto l’identico numero di preferenze.

Lo spoglio delle schede per il ballottaggio inizierà subito dopo la chiusura dei seggi. Gli elettori coinvolti sono in tutto 84.787.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.