Amministrative: grandi manovre nel centrodestra per scegliere i candidati sindaco nel Palermitano :ilSicilia.it

i rumors dopo il vertice a Palazzo dei Normanni

Amministrative: grandi manovre nel centrodestra per scegliere i candidati sindaco nel Palermitano

di
10 Luglio 2020

Centrodestra quasi unito nei comuni della provincia di Palermo che andranno al voto per le Amministrative in autunno.

Ieri si è tenuta a Palazzo dei Normanni la riunione dei responsabili della provincia del Capoluogo siciliano. Presenti alla riunione: il deputato regionale dell’Udc Vincenzo Figuccia, il coordinatore Angelo Pizzuto di Diventerà BellissimaAlessandro Anello per la Lega di Salvini premierRaul Russo (Fratelli di Italia), il sindaco di Prizzi Luigi Vallone (Forza Italia), Roberto Palma per i Popolari ed autonomisti e Giacomo Balsamo di Ora Sicilia.

Sembra essere composta la scacchiera del centrodestra dei  candidati sindaco nei comuni più grandi della provincia palermitana. Tranne che non arrivi qualche colpo di scena.

A Termini Imerese la sfida è a tre: Francesco Caratozzolo, considerato vicino all’ex sindaco Totò Burrafato sostenuto da Forza Italia mentre gli uomini di Saverio Romano e dell’Udc spingono la candidatura di Anna Amoroso, presidente dell’attuale Consiglio comunale. Il terzo nome è quello di Giuseppe Battaglia sostenuto da DB e Lega.

Nel comune di Misilmeri in lizza per la candidatura c’è il geologo Rosario Rizzolo è stato ex consigliere e presidente del consiglio comunale, vicino al mondo renziano.

A Carini il centrodestra sosterrà Salvatore Sgroi, con l’eccezione di Diventerà Bellissima. Impiegato di banca già consigliere comunale. Incerta a questo punto la corsa a sindaco per Luca Tantino componente del direttivo regionale proprio di Diventerà Bellissima.

Resta ingarbugliata la situazione a Partinico. A gennaio scorso c’è stata una visita degli ispettori inviati dal ministero dell’Interno al Comune, grosso centro di 32mila abitanti che dista 25 chilometri da Palermo. Una commissione — composta da un ufficiale dei carabinieri, uno della Guardia di finanza, un commissario di polizia e un funzionario della prefettura — è arrivata per verificare se l’attività amministrativa, negli anni passati, abbia subito condizionamenti da parte della mafia. L’impulso sarebbe arrivato da un corposo lavoro del comando provinciale dei carabinieri che avrebbe messo sotto la lente l’attività del Consiglio comunale, dell’ex sindaco e del commissario che hanno amministrato negli ultimi anni il Comune.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.