Amministrative, i risultati in Sicilia: Lega bene ma non sfonda, male i 5 Stelle. Ecco chi ha vinto | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Il voto comune per comune

Amministrative, i risultati in Sicilia: Lega bene ma non sfonda, male i 5 Stelle. Ecco chi ha vinto

di
29 Aprile 2019

Le amministrative in Sicilia fanno registrare un calo del Movimento 5 stelle, soprattutto nei comuni che già aveva amministrato come Bagheria e Gela, e un risultato positivo per le liste di Centrodestra. La Lega prende consensi in alcuni comuni e va al ballottaggio a Gela e Mazara del Vallo, ma non sfonda in altri come a Monreale o Caltanissetta. I candidati sindaco del M5s vanno al ballottaggio a Caltanissetta e Castelvetrano (Trapani).

A Caltanissetta, unico capoluogo chiamato a eleggere sindaco e consiglio comunale, è in vantaggio Michele Giarratana, candidato del Centrodestra con il 37 per cento dei voti, seguito dal candidato del M5s Roberto Gambino con il 19% e dal progressista Messana al 18 per cento. Il candidato della Lega Oscar Aiello attorno al 14 per cento. Caltanissetta è la città del leader dei grillini in Sicilia, Giancarlo Cancelleri.

A Bagheria vince al primo turno il candidato del centrosinistra Filippo Tripoli, appoggiato da una lista civica che è al 47%, mentre Gino Di Stefano (Centrodestra) è attorno al 31 per cento. Bagheria viene da un’amministrazione M5s guidata dal sindaco Patrizio Cinque, ma la candidata Romina Aiello del movimento di Luigi Di Maio registra una sonora sconfitta con appena l’11 per cento.

A Gela, altra ex roccaforte grillina, il Movimento 5 stelle subisce un crollo verticale non superando il 15 per cento con Simone Morgana. Il ballottaggio sarà tra Lucio Greco, che è attorno al 36% appoggiato da cinque liste civiche – anche da Pd e Forza Italia -, e Giuseppe Spata, candidato della Lega che è attorno al 32 per cento.

A Mazara del Vallo andranno al ballottaggio Salvatore Quinci (liste civiche) con il 33 per cento e Giorgio Randazzo appoggiato dalla Lega, che ottiene il 31 per cento. Terzo il candidato Nicolò La Grutta del Movimento 5 Stelle.

A Castelvetrano, che ha avuto un calo dei votanti del 20%, si profila un ballottaggio tra Calogero Martire (liste civiche) al 29 per cento e il candidato M5s, Enzo Alfano con il 28 per cento. A Salemi rieletto il sindaco uscente Domenico Venuti con oltre il 50 per cento dei voti. A Calatafimi-Segesta Antonino Accardo vince su Nicola Cristaldi.

A Monreale Alberto Arcidiacono (liste civiche e Diventerà bellissima) è al 24%, con stessa percentuale del sindaco uscente Pietro Capizzi, appoggiato da liste di centrosinistra. Non c’è stato l’effetto “grande ritorno” di Salvino Caputo, già sindaco della cittadina normanna, che si ferma al 14 per cento. Stessa percentuale per il candidato della Lega Giuseppe Romanotto. Qui il candidato del 5 Stelle Fabio Costantini non raggiunge neanche il 10 per cento.

A Motta Sant’Anastasia sindaco è il leghista Anastasio Carrà, che viene confermato, mentre ad Aci Castello vince Carmelo Scandurra (liste civiche), seguito da Clara Carbone (Centrodestra).

A Cinisi viene riconfermato sindaco Giangiacomo Palazzolo con oltre il 64% di preferenze, Giuseppe Manzella si ferma al 23% seguito da Salvo Palazzolo al 13%.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Outlander e i viaggi nel tempo

Anche questa volta lo spunto per scegliere l argomento del nuovo articolo me lo ha dato una serie che sto seguendo in questo periodo con interesse crescente  : "Outlander". Sei  stagioni tutte presenti su Sky,  una serie di cui avevo sentito parlare e che più volte mi era stata

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro