Amministrative, in Sicilia il modello Draghi non sfonda: tutti i risultati :ilSicilia.it

lo spoglio

Amministrative, in Sicilia il modello Draghi non sfonda: tutti i risultati

di
12 Ottobre 2021

Le urne in Sicilia premiano l’asse Pd-M5s e mandano in soffitta qualsiasi ipotesi di maggioranza sul modello Draghi che pure era stata avanzata nelle scorse settimane dal presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana, Gianfranco Micciché: “Inutile riprovarci”, il suo commento. Questo uno dei primi dati che emerge dalla tornata di Amministrative che ha portato al voto 42 comuni dell’Isola. Emerge anche il ritorno della “nuova Dc” con l’ex presidente della Regione, Totò Cuffaro, a fare da regista con il partito che si attesta attorno al 5% con punte anche del 10% in alcuni comuni. Altro dato è quello dell’affluenza che resta bassa. Alle urne si è recato solo il 56,6% degli aventi diritto.

Caltagirone, in provincia di Catania, è il nuovo modello della coalizione giallo-rossa vincente. A San Cipirello, comune sciolto per mafia, si è recato a votare solo il 39,51% degli aventi diritto e pertanto l’unica candidata, Vincenza Romina Lupo, non può essere eletta. A Gioiosa Marea, nel Messinese, è andato a votare il 57,48% dei 5.717 aventi diritto e cosi’ l’unica candidata, Giusy La Galia, è diventa prima cittadina. Analoga situazione a Ferla, dove è stato confermato Michelangelo Giansiracusa.

Ad Antillo, in provincia di Messina, Davide Paratore tocca il 92,5%. Domenico Surdi (M5s) è stato confermato sindaco di Alcamo, nel Trapanese. Occhi puntati sul ballottaggio tra Francesco Aiello (Pd-Cento Passi-Psi e civica) e Salvo Sallemi (Fdi-Lega-Diventerà Bellissima) a Vittoria, nel Ragusano. Verso il ballottaggio tra due settimane anche Lentini (Siracusa), dove Saverio Bosco, a capo di liste civiche, ha ottenuto il il 35%, seguito a distanza da Rosario Lo Faro (M5s e civiche) che ha conquistato poco più del 23% dei voti.

A Rosolini torneranno a sfidarsi Corrado Vaccaro del centrosinistra e Tino Di Rosolini del centrodestra. Vincenzo Parlato sarà il nuovo sindaco di Sortino. Sempre nel Siracusano, a Pachino, primo cittadino donna: Carmela Petralito, candidata del centrodestra. Corrado Figura è il nuovo sindaco di Noto e ad annunciarlo è il primo cittadino uscente, Corrado Bonfanti. I tre Comuni più grandi dell’Agrigentino al ballottaggio: a Canicattì, Vincenzo Corbo sarà contro il candidato di Fdi e civiche Cesare Sciabarrà. Ballottaggi anche a Favara e Porto Empedocle.

Vittoria per Salvatore Di Bennardo a San Biagio Platani. Con poco meno del 70% delle preferenze, Sebastiano Sanzarello è diventato sindaco di Mistretta vincendo la concorrenza di Sebastiano Maniaci e Salvatore Alfonso Germanà. Sempre nel Messinese, a Floresta, Antonio Stroscio è stato eletto sindaco con il 53,04% dei voti.

A Ficarra, lo scrutinio ha sancito la vittoria di Basilio Ridolfo, che ha sfiorato il 59% contro il 41% di Antonino Pizzino. A Capo d’Orlando verso la riconferma Francesco Ingrillì. A Patti nuovo sindaco è Carmelo Gianluca Bonsignore. Antonino Caselli è il nuovo primo cittadino di Torregrotta. Sempre nel Messinese, eletto primo cittadino di Rodì Milici Eugenio Aliberti (Noi per Rodì Milici) con l’87,31% delle preferenze. A San Marco d’Alunzio vince Filippo Miracula (Cuore aluntino) con il 50,26%, mentre a Terme Vigliatore la spunta Bartolo Cipriano.

Nunzio Vitale è il nuovo sindaco di Ramacca, nel Catanese. Con la lista “Costruiamo una bella storia” ha ottenuto il 36,3% dei voti, precedendo l’uscente Giuseppe Limoli (Ramacca per Amore) che si è fermato al 31,4%. Ad Adrano Carmelo Pellegriti al ballottaggio contro Fabio Mancuso (Civiche). A Giarre, altro grosso centro del Catanese, verso la vittoria al primo turno Leo Cantarella, a capo di una serie di liste civiche: a circa metà scrutinio è al 52,6%.

Giuseppe Montesano è stato eletto sindaco di Vallelunga Pratameno, nel Nisseno. A San Cataldo, comune sciolto per mafia sempre in provincia di Caltanissetta, ballottaggio tra Gioacchino Comparato (Pd-M5S, in testa con il 25,42%) e il candidato meloniano Claudio Vassallo (19,88%). Eletti i sindaci di Montallegro (Agrigento, sarà Giovanni Cirillo) e Sant’Angelo di Brolo (Messina, scelto dagli elettori Francesco Paolo Cortolillo). A Terrasini (Palermo) l’uscente Giosuè Maniaci spopola con l’82%.

A Montelepre gli elettori hanno premiato Giuseppe Terranova, che ha conquistato il 38,98% delle preferenze; ad Alia eletto Francesco Guccione con il 56,15%. A Calascibetta, unico paese dell’Ennese al voto in questa tornata di amministrative siciliane, si conferma Piero Capizzi, sostenuto anche dal Pd. Infine, Francesco Gruppuso è il primo cittadino di Calatafimi-Segesta (Trapani).

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.