Amministrative: in Sicilia quattro comuni alle urne per i ballottaggi :ilSicilia.it
Agrigento

Domenica 18 e lunedì 19

Amministrative: in Sicilia quattro comuni alle urne per i ballottaggi

di
16 Ottobre 2020

In Sicilia per i ballottaggi, del 18 e 19 ottobre, occhi puntati su Agrigento, unico capoluogo di provincia al voto. Urne aperte anche a Carini (Pa), Augusta (Sr) e Floridia (Sr).

Nella città dei Templi, la sfida è tra l’uscente Lillo Firetto, appoggiato da liste di centro, e Franco Miccichè (Vox e liste civiche), che ha ricevuto nei giorni scorsi l’endorsement del governatore Nello Musumeci, suscitando malumori in ambienti Udc, partito che appoggia il presidente della Regione.

A sorpresa, proprio Miccichè al primo turno aveva ottenuto il maggior consenso: 36,6%; mentre Firetto è stato votato dal 27,8% degli elettori. A Carini il duello è tra l’uscente Giovi Monteleone (centrosinistra) che aveva avuto il 37,5% delle preferenze, e Totò Sgroi (centrodestra) al 33,5%. Ad Augusta sfida ‘civica’ tra Pippo Gulino (31,4%) e Giuseppe Di Mare (27,1%). Floridia la contesa è tra Marco Carianni (26,1%, civiche) e Salvo Burgio (17,2%, FdI e lista civica).

I seggi saranno aperti, domenica 18, dalle 7 alle 22; lunedì dalle 7 alle 14. Durante le operazioni di voto saranno pubblicate, così come per il primo turno, quattro rilevazioni sull’affluenza degli elettori al voto; alle 12,30, alle 19,30 e alle 22,30 di domenica 18 ottobre; alle 15,30 di lunedì.

Le operazioni di scrutinio avranno inizio lunedì, immediatamente dopo il completamento delle operazioni di voto.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin