Amministrative Palermo, Miccichè vuole Lagalla sindaco: "Per me miglior candidato possibile" :ilSicilia.it
Palermo

la dichiarazione

Amministrative Palermo, Miccichè vuole Lagalla sindaco: “Per me miglior candidato possibile”

di
1 Marzo 2022

Corsa a Palazzo delle Aquile e nella rosa dei nomi dei papabili a ricoprire la carica di sindaco di Palermo, Roberto Lagallaè il miglior candidato possibile”. Lo ha confermato ancora una volta Gianfranco Miccichè, presidente dell’Assemblea regionale siciliana, che attualmente si trova all’estero.

L’assessore regionale all’Istruzione aveva già incassato il consenso del coordinatore forzista in Sicilia nelle scorse conferenze stampa tenute a Palazzo dei Normanni, considerando quella dell‘Udc una proposta di livello, trattandosi di un ex rettore dell’Università di Palermo e “riconosciuto tra i migliori”.  Insomma un politico la cui caratura ha peso nel panorama politico siciliano anche per dialogare con le istituzioni. D’altronde, lo scudo crociato resta inconfutabilmente un polo di riferimento della coalizione di centrodestra, su scala nazionale e sull’Isola.

E’ probabile che l’esponente del Governo Musumeci faccia il suo annuncio a breve, e mancando soltanto tre mesi alle elezioni amministrative, la certezza dei nomi non è più rinviabile.

Per il dopo-Orlando, sul tavolo dei nomi c’è pure quello di Ciccio Cascio in quota FI, ex presidente dell’Ars ed oggi referente Covid dell’Asp di Palermo, ma che resta ancora un’incognita. Dal lato dei sovranisti, confermata la meloniana Carolina Varchi.

 

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.