Amministratore Rap scortato dalla polizia: aggredito e minacciato da delegazione operai Reset :ilSicilia.it
Palermo

IL FATTO

Amministratore Rap scortato dalla polizia: aggredito e minacciato da delegazione operai Reset

di
3 Settembre 2021

L’amministratore unico della Rap Girolamo Caruso ha lasciato gli uffici di piazzetta Cairoli scortato dagli agenti della polizia di Stato dopo essere stato aggredito e minacciato da una delegazione di operai Reset che chiedeva di accelerare il passaggio in Rap.

A mezzogiorno una delegazione di dipendenti Reset ha voluto incontrare l’amministratore per sollecitare l’assorbimento del personale Reset nella partecipata Rap. Si tratta di circa 90 dipendenti che rientrerebbe infatti in un atto di indirizzo dell’amministrazione comunale ormai datato anni, e ciò perché la precedente governance di Rap, aveva espresso parere negativo con un verbale di consiglio di amministrazione. Caruso ha ricevuto la delegazione esortando i presenti alla pazienza dal momento che sta cercando, come aveva detto loro in precedenza, un nuovo percorso giuridico e aziendale che porti all’ingresso in Rap dei dipendenti Reset. Ma gli animi di un nutrito gruppo di dipendenti Reset che attendeva i colleghi in delegazione nell’atrio di piazzetta Cairoli si sono surriscaldati. Non sono mancati insulti e minacce, al punto che gli agenti della Digos ha invitato Caruso ad attendere l’arrivo di rinforzi della Polizia di Stato prima di uscire dagli uffici. Soltanto scortato da agenti in tenuta antisommossa l’amministratore ha potuto lasciare la sede alle 15,30.

Non intendo commentare quanto successo oggi“, dice l’amministratore unico Girolamo Caruso. Chi si trovava in piazzetta Cairoli racconta di un clima molto teso e di un amministratore unico scosso che aveva cercato di spiegare ai rappresentati che occorreva leggere le carte e vedere se c’è la possibilità di potere trovare una strada che rispetti tutte le norme per il passaggio. “Per questi atti serve tempo e studiare bene la materia – dicono da Rap – Non è certo con la violenza che si possono ottenere questi provvedimenti. Le lotte sindacali sono un’altra cosa. Quanto successo oggi è ingiustificabile“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin