Amministratore Rap scortato dalla polizia: aggredito e minacciato da delegazione operai Reset :ilSicilia.it
Palermo

IL FATTO

Amministratore Rap scortato dalla polizia: aggredito e minacciato da delegazione operai Reset

di
3 Settembre 2021

L’amministratore unico della Rap Girolamo Caruso ha lasciato gli uffici di piazzetta Cairoli scortato dagli agenti della polizia di Stato dopo essere stato aggredito e minacciato da una delegazione di operai Reset che chiedeva di accelerare il passaggio in Rap.

A mezzogiorno una delegazione di dipendenti Reset ha voluto incontrare l’amministratore per sollecitare l’assorbimento del personale Reset nella partecipata Rap. Si tratta di circa 90 dipendenti che rientrerebbe infatti in un atto di indirizzo dell’amministrazione comunale ormai datato anni, e ciò perché la precedente governance di Rap, aveva espresso parere negativo con un verbale di consiglio di amministrazione. Caruso ha ricevuto la delegazione esortando i presenti alla pazienza dal momento che sta cercando, come aveva detto loro in precedenza, un nuovo percorso giuridico e aziendale che porti all’ingresso in Rap dei dipendenti Reset. Ma gli animi di un nutrito gruppo di dipendenti Reset che attendeva i colleghi in delegazione nell’atrio di piazzetta Cairoli si sono surriscaldati. Non sono mancati insulti e minacce, al punto che gli agenti della Digos ha invitato Caruso ad attendere l’arrivo di rinforzi della Polizia di Stato prima di uscire dagli uffici. Soltanto scortato da agenti in tenuta antisommossa l’amministratore ha potuto lasciare la sede alle 15,30.

Non intendo commentare quanto successo oggi“, dice l’amministratore unico Girolamo Caruso. Chi si trovava in piazzetta Cairoli racconta di un clima molto teso e di un amministratore unico scosso che aveva cercato di spiegare ai rappresentati che occorreva leggere le carte e vedere se c’è la possibilità di potere trovare una strada che rispetti tutte le norme per il passaggio. “Per questi atti serve tempo e studiare bene la materia – dicono da Rap – Non è certo con la violenza che si possono ottenere questi provvedimenti. Le lotte sindacali sono un’altra cosa. Quanto successo oggi è ingiustificabile“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro