Anche a Palermo il "Nordic Walking", la terapia per la sclerosi multipla :ilSicilia.it
Palermo

per la prima volta in città

Anche a Palermo il “Nordic Walking”, la terapia per la sclerosi multipla

di
5 Maggio 2018

Parte da Palermo l’edizione 2018 di Nordic Tales, l’iniziativa promossa da Sanofi Genzyme con il patrocinio di Aism (Associazione Italiana Sclerosi Multipla) e dell’Associazione italiana Nordic Walking. Si tratta di una camminata naturale che si fa con l’ausilio di due bastoncini, molto simili a quelli utilizzati per lo sci di fondo, anche se un po’ più corti ed è molto utile come terapia per la sclerosi multipla.

L’evento, tenuto nel Parco della Favorita, all’interno della struttura equestre comunale, ha avuto anche il patrocinio del Comune di Palermo. L’appuntamento si è sviluppato in due fasi: lezioni di Nordic Walking, tenute dall’istruttrice Manuela Brancato, dedicate ai pazienti di sclerosi multipla e ai loro assistenti, e meditazione mindfulness, guidata dallo psicologo Marco Gritti, mirante a coadiuvare, a livello psicologico, i pazienti affetti dalla patologia.

“Praticando la meditazione di consapevolezza – spiega Gritti   le persone possono avere benefici a livello di coordinazione motoria e possono contrastare gli effetti depressivi psicologici che lo stato patologico può comportare. Ai nostri ospiti ho prodotto un’esperienza pratica di training mentale, che proseguirà sui canali social legati a progetto, per poi continuare autonomamente a casa loro”.

Per Manuela Brancato: “Il Nordic Walking è una disciplina sportiva completa, apporta benefici alla colonna vertebrale perchè si fa un continuo e delicato movimento che tiene ben lubrificate le vertebre”.

Presente all’appuntamento, anche il dirigente dell’unita’ di Neurologia dell’Azienda Ospedialiera Villa Sofia – Cervello, Salvatore Cottone: È la prima volta che questa disciplina arriva a Palermo. Nel 2010 – spiega – sono stati tracciati più di seimila pazienti nella nostra regione ed emerge che la Sicilia può’ essere considerata ad alto-medio rischio di malattia”.

Dopo Palermo, le prossime tappe del circuito Nordic Tales saranno a Lonate Pozzolo (Varese), Roma, Genova e Cagliari. 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.