26 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 00.42
Palermo

Il Carroccio fa proseliti

Anche a Partinico arriva La Lega: Salvini conquista terreno in Sicilia

7 Settembre 2018

Da oggi anche a Partinico la Lega è rappresentata in Consiglio comunale, con l’adesione di Giuseppe Barbici. Classe 1967, geometra e padre di due figli, venne nominato assessore della giunta Lo Biundo nel 2010. Nel 2013 viene eletto consigliere comunale ricoprendo anche la figura di presidente della terza commissione fino al 2018, anno in cui viene rieletto. Da pochi giorni è stato eletto presidente della terza commissione consiliare.

“Seguo con interesse la Lega da quando Salvini ne è diventato segretario – dichiara Barbici – Mi piacciono le sue idee, i suoi programmi, la sua determinazione. Ritengo che sia, ad oggi, la persona giusta a rappresentare l’Italia nel mondo ma soprattutto nei confronti dell’Europa. Ho grande fiducia nel Commissario Candiani e in Igor Gelarda, che stanno ristrutturando e fortificando la Lega a Palermo e provincia. È inteso che continuerò a supportare la maggioranza di governo della città dando il mio contributo sempre che, le scelte di governo, siano in linea con le ideologie del mio partito, conclude il neo-leghista”.

Giuseppe Barbici e Igor Gelarda
Giuseppe Barbici e Igor Gelarda

“I successi della Lega a Palermo, ma in realtà in tutta la Sicilia – dichiara Igor Gelarda responsabile siciliano degli enti locali della Lega – sono inarrestabili.

Su Partinico, dove esisteva già un gruppo della Lega piuttosto consistente, abbiamo numerose altre interlocuzioni in Consiglio comunale, e a breve avremo altre adesioni. Così come in tutto il resto della provincia stiamo facendo un percorso con una sorprendente vicinanza della gente”.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.