Anche i cinesi alla corte di Ferrandelli, pronti nuovi investimenti in città :ilSicilia.it
Palermo

L'obiettivo è "creare migliaia di nuovi posti di lavoro"

Anche i cinesi alla corte di Ferrandelli, pronti nuovi investimenti in città

di
2 Maggio 2017
Ferrandelli e Hu Kun
Hu Kun e Fabrizio Ferrandelli

“Nel ponte della festa dei lavoratori ho invitato il Presidente di ZTE Western Europe (azienda cinese leader nel settore delle telecomunicazioni, ndr) per mettere a punto alcune opportunità di sviluppo per la città. Il mio obiettivo da sindaco è quello di creare migliaia di posti di lavoro, valorizzando ambiente, storia e territorio e accompagnare Palermo nella modernità, tutto con investimenti privati”. Commenta così Fabrizio Ferrandelli la visita di Hu Kun che a Palermo arriva proprio grazie all’invito del candidato sindaco dei Coraggiosi.

Una città ricca di storia, cultura e tradizioni. Ma Palermo è molto di più. Per Hu Kun le prospettive di investimenti sono tante e l’obiettivo è quello di trasformare il capoluogo siciliano in una “smart city” di ultima generazione. “Con Hu Kun – spiega Ferrandelli – abbiamo immaginato non solo di informatizzare la pubblica amministrazione per renderla più accessibile ai cittadini, ma anche la nascita di un parco tecnologico e abbiamo analizzato ulteriori possibili investimenti sull’industria 4.0. Sono tanti i progetti in cantiere che da sindaco potrò realizzare creando nuove opportunità di lavoro e rendendo Palermo una città moderna ed efficiente”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin