Anche il M5S sul canile municipale, per Bernini è stato scongiurato il peggio :ilSicilia.it
Palermo

"Pensare di deportare i cani verso una qualsiasi struttura, senza i dovuti controlli, è inaccettabile"

Anche il M5S sul canile municipale, per Bernini è stato scongiurato il peggio

di
30 Marzo 2017

Il Movimento Cinquestelle pubblica una nota sulla situazione del canile municipale di Palermo, che sta tenendo impegnati la città e le istituzioni in questi ultimi giorni. A parlare è l’onorevole Paolo Bernini (M5s), che si è occupato della vicenda, sottolineando che la sinergia con la Prefettura, con l’Ufficio regionale del Dipartimento della Salute Pubblica Regionale della Sicilia “ha finalmente posto fine alla situazione illegale” venutasi a creare nel canile di Palermo.”Per ora è stato scongiurato il peggio e il trasferimento dei cani del canile di Palermo è stato bloccato. Tra l’altro la struttura Dog Professional non si è neanche più resa disponibile ad accogliere i cani; è anche auspicabile – prosegue – che ben oltre i proclami, le grandi onlus animaliste, in situazioni come questa si coordinino opportunamente per organizzare una straordinaria campagna di adozione, come del resto è nei loro compiti statutari e per cui percepiscono il 5×1000, al fine di evitare ora e in futuro che questi animali possano rappresentare un guadagno per chiunque”. 

Paolo Bernini (M5S)

“Sebbene riconosciamo che sia necessaria e fondamentale la ristrutturazione del canile – osserva Bernini – pensare di deportare i cani verso una qualsiasi struttura, senza i dovuti controlli, è inaccettabile e fatto gravissimo da denunciare, al pari degli altri illeciti procedurali, come infatti ho provveduto a fare tramite il mio legale Aurora Loprete, insieme ai tanti volontari indignati. Per questo come portavoce Parlamentare del MoVimento 5 Stelle ho richiesto giorni addietro l’immediato intervento dei funzionari del Ministero della Salute. Inoltre mi risulta che sia stato disposto dal Comune di Palermo – conclude l’esponente del M5s – di corrispondere la cifra di 480 euro a cane per i 111 cani. Il che fa oltre 53 mila euro, quindi è evidente che per questa attività è obbligatoria una procedura negoziata, anche per questo procederò con il mio legale ad informare la corte dei conti su questa anomalia”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Se sei donna

di Mila Spicola

Una via per Franca Florio

La vita di Franca Florio, fatta di discese ardite e dure risalite è una grande storia, la fortuna, la sfortuna, la ricchezza, la povertà, la felicità, il dolore, si mischiano in quello che è un romanzo più romanzo di ogni pagina immaginata.

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.