Anche il Pd di Zingaretti scarica Conte? "O si ascolta l'opposizione oppure si va a elezioni" | ilSicilia.it :ilSicilia.it

i retroscena della politica

Anche il Pd di Zingaretti scarica Conte? “O si ascolta l’opposizione oppure si va a elezioni”

di
7 Maggio 2020

Nubi si addensano sul governo Conte e oramai da più parti si torna a parlare di elezioni anticipate. Dopo il tira e molla delle scorse ore fra i cinquestelle e il ministro Bellanova che ha minacciato l’uscita dal governo se non si regolarizzeranno centinaia di migliaia di immigrati, adesso è il turno del leader del Pd Nicola Zingaretti.

Il segretario Dem, intervistato da Sky tg24 non ha chiuso alla possibilità di un voto anticipato, nel caso in cui il governo dovesse continuare a non dialogare con le opposizioni. Che in pratica è una frase che non vuol dire niente, specie in questo periodo in cui Giuseppe Conte ha dato ampia dimostrazione di andare per conto proprio, non ascoltando non soltanto le opposizioni, ma nemmeno le forze politiche della sua stessa maggioranza. Il che starebbe innescando nervosismo fra gli alleati di governo, Pd in testa.

Il governo deve dialogare con le opposizioni. Se questo governo non ce la fa vedo difficile che si possa riproporre una maggioranza diversa” ha detto il segretario del Pd Nicola Zingaretti a Sky Tg24.

Della serie, prima era stato Renzi, con i suoi attacchi diretti alla persona di Conte. Poi i distinguo all’interno del mondo grillino, dove la componente che fa capo ad Alessandro Di Battista non fa mistero di non volere restare un minuto di più in un governo con Pd e “Italia viva” e adesso è lo stesso Partito Democratico per bocca del suo massimo vertice a non chiudere la porta alle elezioni anticipate, magari dopo l’estate.

Sullo sfondo la paura, anzi il terrore, di tre quarti di parlamentari cinquestelle di perdere la poltrona – visto che, dati gli attuali numeri, con molta probabilità gran parte di loro non sarebbe rieletta – e l’inquietudine del presidente del Consiglio Conte che, pur avendo accresciuto la propria popolarità grazie al suo “one man show” che per i due mesi dell’emergenza coronavirus ha tenuto banco in tv e sui social, sente scricchiolare la propria maggioranza.

In soccorso ad un eventuale “Conte ter” potrebbero arrivare il Capo dello Stato e le truppe cammellate di Berlusconi, che hanno già ampiamente dato dimostrazione di temere il voto come fosse la peste del secolo.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

Vaccini, basta chiacchiere!

La consueta girandola dei colori delle regioni italiane colpisce ancora. Sembra di guardare dentro un caleidoscopio nel quale le forme ed i colori cambiano ad ogni movimento dell’oggetto

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin