Anche in questo difficile periodo il carcere non è storie di corpi ma di anime :ilSicilia.it

Un articolo di Totò Cuffaro

Anche in questo difficile periodo il carcere non è storie di corpi ma di anime

di
11 Marzo 2020

Ospitiamo questo contributo scritto dall’ex presidente della Regione Siciliana Totò Cuffaro, che tratta del carcere, della vita di chi è detenuto, della sofferenza, della Misericordia e dei compiti dello Stato, in un momento difficile come questo causato dall’emergenza coronavirus e nel quale in diversi penitenziari italiani sono scoppiate rivolte. 

******

Nelle carceri si vive nella miseria che impone la legge dell’uomo, ma l’uomo e la legge non hanno la forza di far disconoscere la Misericordia, la speranza e la fede, per chi l’ha, sorreggono le donne e gli uomini detenuti. Pesa questa condizione ma i detenuti però per essa sentono che esistono ed esiste la realtà. La vivono, è la loro attuale esistenza, ed ha gli occhi tristi ma veri della vita, e porta con se malessere,sfiducia, paura e a volte purtroppo, come sta succedendo oggi, la rivolta.

Questa condizione è il loro cilicio, ed avvolge oltre il corpo anche la mente.
Grida l’uomo, grida il suo silenzio, grida la sua insofferenza, gridano la fame e la miseria, grida, si sciupa e si dissecca la vita, e grida il tempo e grida l’anima, e in tutti si spezzano i cuori …… ma lo Stato deve esserci e deve esserci anche la sua pietas.

E c’è la Misericordia che sceglie di incontrare e stare con le persone detenute, porta pace, libera le loro anime e fa del carcere un luogo consacrato. Penso che sia Misericordia questo prendersi cura dei detenuti, prendere e portare dentro di sé le ferite di questo pezzo di umanità perduta, sofferente e dimenticata, umanità che ha sbagliato e che nonostante non abbia avuto rispetto dello Stato e della società merita comunque rispetto.

Il carcere è una comunità. Ogni comunità ha bisogno della presenza della Misericordia.

Ognuno nella sua comunità può esserne testimone e divenirne strumento e fonte di speranza, ognuno, se vuole, può essere manifestazione della tenerezza di Dio.

La Misericordia è qualcosa di più che una prerogativa esclusiva di Dio, appartiene all’uomo: è dono, è amore, è rispetto dell’altro e delle sue libertà, è comprendere senza mai stancarsi, è compiere il bene. Il carcere mette a dura prova le capacità di iniziativa, di risposta e di responsabilità di tutti i suoi “abitanti” e questo lascia un grande amaro in bocca è una tristezza indescrivibile.

Una domanda, però, riempie il cuore dei detenuti e di noi tutti: può essere questa l’ultima parola? La promessa di vita che c’è nel cuore sarebbe, quindi, destinata ad essere tradita?

Allora ci si impone di ricominciare. La vita è un ricominciare sempre, ogni giorno, ogni istante.

La realtà provoca e noi non possiamo non prenderla sul serio e ciò vuol dire accettare la sfida che essa ci pone.
Papa Francesco ha più volte affermato e ribadito la sua attenzione per chi è privato della libertà.

Credo sia importante che in questo difficile tempo di coronavirus che affligge il nostro Paese la Giustizia dello Stato dia una giusta, attenta e umana risposta al mondo delle carceri le cui sbarre custodiscono il dolore e privano delle libertà.

Il carcere non è storie di corpi ma di anime.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin