"Anche senza festa, è sempre la madre Sant'Anna". Via alla celebrazioni a Borgo Vecchio :ilSicilia.it
Palermo

A CAUSA DELL'EMERGENZA CORONAVIRUS

“Anche senza festa, è sempre la madre Sant’Anna”. Via alla celebrazioni a Borgo Vecchio

di
24 Luglio 2020

Quest’anno sarà una festività atipica per il quartiere di Borgovecchio, a Palermo.

Le consuete celebrazioni di madre Sant’Anna, patrona della borgata e di numerose altre città siciliane, fra le quali Castelbuono, si svolgeranno a regime ridotto.

La storica confraternita del capoluogo siciliano, fondata nel 1903, si dice “dispiaciuta per la mancanza delle consuete celebrazioni relative alla festa. Ma come dicono i nostri fedeli, anche se non c’è la festa, madre Sant’Anna è sempre nei nostri cuori“.

LE CELEBRAZIONI

Nei giorni scorsi l’organizzazione ha proceduto ad effettuare la novena nella abitazioni della zona, coinvolgendo un noto ristorante del quartiere e una casa di riposo per anziani.

Nella foto, il superiore della congrega di Madre Sant’Anna Giuseppe Scavone

Il comitato “ci tiene a ringraziare le famiglie, le attività e l’intero quartiere per il contributo dato in questi mesi, anche con iniziative parallele. Un popolo di fedeli che ha dimostrato grandezza, saggezza ed obbedienza in un momento così difficile“. Il riferimento è ad esempio alla raccolta di generi alimentari, effettuata nei mesi scorsi con le congreghe di San Giuseppe e del Santissimo Crocifisso, al fine di aiutare famiglie disagiate, messe in ginocchio dall’emergenza coronavirus.

Ma a seguito dell’emergenza coronavirus e dei DPCM relativi alle manifestazioni pubbliche, le celebrazioni dovranno svolgersi in regime minore.

Niente processione quindi fra le strade del quartiere. Un evento così epocale che, nella storia della congrega, è avvenuto soltanto tre volte, ovvero negli anni del secondo conflitto mondiale. Via anche tutte le attività ricreative organizzate a margine dell’evento religioso, come ad esempio la festa di piazza. Spazio quindi domenica 26 luglio alla consueta funzione religioso, trasmessa in streaming sui canali della confraternita.

Durante le celebrazioni verranno premiato due consorelle e un confratello, per i loro 25 anni di militanza.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.