Ancora caos tra i 5 Stelle di Palermo, Randazzo: "Io rimosso da amministratore della pagina Facebook" :ilSicilia.it

Di nuovo una polemica interna nei pentastellati

Ancora caos tra i 5 Stelle di Palermo, Randazzo: “Io rimosso da amministratore della pagina Facebook”

di
10 Dicembre 2018

Sembra non trovare pace il Movimento 5 Stelle a Palermo. L’ultima scossa di terremoto interna ai pentastellati la provoca un post pubblicato su Facebook dal consigliere Antonino Randazzo. Quest’ultimo denuncia di essere stato rimosso dagli amministratori della pagina ufficiale dei pentastellati in seguito alla pubblicazione di un post che conteneva il video di un intervento all’Ars della deputata regionale Gianina Ciancio.

Prima qualcuno ha rimosso e cancellato per 3 volte il post del video della portavoce Ciancio dove denuncia le porcate della vecchia politica all’Ars ( fatico a comprendere i motivi di questa censura) – scrive nel post Randazzo -, qualche istante fa qualcuno ha deciso anche di eliminarmi da amministratore della Pagina del m5s Palermo comunica il consigliere comunale pentastellato – evidentemente perché disturbato dal post della collega all’ARS e per non consentirmi di potere continuare a pubblicare nella pagina del Movimento 5 Stelle Palermo post di portavoce del Movimento 5 stelle“. Randazzo, insomma, consigliere comunale a Sala delle Lapidi e, dunque, portavoce pentastellato, non è più autorizzato a scrivere su facebook per nome e per conto del Movimento stesso, come lui stesso denuncia.

Ma chi è stato a eliminare il consigliere dalla lista degli amministratori della pagina? Ebbene, qualche indizio lo fornisce lo stesso autore del post. In risposta a un commento che chiedeva lumi sulla vicenda, infatti, Randazzo scrive di avere domandato egli stesso a due degli amministratori (Concetta Amella e Viviana Lo Monaco, anche loro consigliere del M5s e amministratrici della pagina) se avessero saputo cosa fosse successo. Le due gli avrebbero risposto privatamente di non saperne nulla. Qualche commento più giù, però, Randazzo precisa di avere scritto in un gruppo in cui sono inclusi tutti gli amministratori della pagina, e allega tanto di screenshot con le facce di tutti i consiglieri comunali pentastellati (ossia, oltre a Randazzo, Amella e Lo Monaco, anche Ugo Forello e Giulia Argiroffi). Randazzo, insomma, sembra indicare ‘per esclusione’ in questi ultimi due i principali ‘sospettati‘ della rimozione.

Potrebbe, insomma, trattarsi di uno strascico della vicenda della mancata rotazione del capogruppo a Sala delle Lapidi. In quell’occasione fu Forello che gridò all’epurazione, dopo che, ancora una volta sulla pagina Facebook del Movimento 5 Stelle Palermo, fu annunciata la rotazione del capogruppo a Sala delle Lapidi, con Randazzo che sarebbe dovuto subentrare proprio a Forello. La rotazione fu congelata, rinviata alla chiusura del bilancio consuntivo (che nel frattempo è stato approvato), ma evidentemente all’interno del gruppo consiliare ci si guarda in cagnesco, se è vero che alcuni ritengono altri non legittimati a pubblicare post su Facebook a nome del Movimento 5 Stelle.

Prima qualcuno ha rimosso e cancellato per 3 volte il post del video della portavoce Ciancio dove denuncia le porcate…

Pubblicato da Antonino Randazzo su Lunedì 10 dicembre 2018

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Immagina…

Immagina la “normalità” quale unico “manifesto per il futuro”. Il fallimento di una certa politica sta nel fatto di volerti vendere per straordinario tutto ciò che universalmente sarebbe stato normale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin