Ancora caos tra i 5 Stelle di Palermo, Randazzo: "Io rimosso da amministratore della pagina Facebook" :ilSicilia.it

Di nuovo una polemica interna nei pentastellati

Ancora caos tra i 5 Stelle di Palermo, Randazzo: “Io rimosso da amministratore della pagina Facebook”

di
10 Dicembre 2018

Sembra non trovare pace il Movimento 5 Stelle a Palermo. L’ultima scossa di terremoto interna ai pentastellati la provoca un post pubblicato su Facebook dal consigliere Antonino Randazzo. Quest’ultimo denuncia di essere stato rimosso dagli amministratori della pagina ufficiale dei pentastellati in seguito alla pubblicazione di un post che conteneva il video di un intervento all’Ars della deputata regionale Gianina Ciancio.

Prima qualcuno ha rimosso e cancellato per 3 volte il post del video della portavoce Ciancio dove denuncia le porcate della vecchia politica all’Ars ( fatico a comprendere i motivi di questa censura) – scrive nel post Randazzo -, qualche istante fa qualcuno ha deciso anche di eliminarmi da amministratore della Pagina del m5s Palermo comunica il consigliere comunale pentastellato – evidentemente perché disturbato dal post della collega all’ARS e per non consentirmi di potere continuare a pubblicare nella pagina del Movimento 5 Stelle Palermo post di portavoce del Movimento 5 stelle“. Randazzo, insomma, consigliere comunale a Sala delle Lapidi e, dunque, portavoce pentastellato, non è più autorizzato a scrivere su facebook per nome e per conto del Movimento stesso, come lui stesso denuncia.

Ma chi è stato a eliminare il consigliere dalla lista degli amministratori della pagina? Ebbene, qualche indizio lo fornisce lo stesso autore del post. In risposta a un commento che chiedeva lumi sulla vicenda, infatti, Randazzo scrive di avere domandato egli stesso a due degli amministratori (Concetta Amella e Viviana Lo Monaco, anche loro consigliere del M5s e amministratrici della pagina) se avessero saputo cosa fosse successo. Le due gli avrebbero risposto privatamente di non saperne nulla. Qualche commento più giù, però, Randazzo precisa di avere scritto in un gruppo in cui sono inclusi tutti gli amministratori della pagina, e allega tanto di screenshot con le facce di tutti i consiglieri comunali pentastellati (ossia, oltre a Randazzo, Amella e Lo Monaco, anche Ugo Forello e Giulia Argiroffi). Randazzo, insomma, sembra indicare ‘per esclusione’ in questi ultimi due i principali ‘sospettati‘ della rimozione.

Potrebbe, insomma, trattarsi di uno strascico della vicenda della mancata rotazione del capogruppo a Sala delle Lapidi. In quell’occasione fu Forello che gridò all’epurazione, dopo che, ancora una volta sulla pagina Facebook del Movimento 5 Stelle Palermo, fu annunciata la rotazione del capogruppo a Sala delle Lapidi, con Randazzo che sarebbe dovuto subentrare proprio a Forello. La rotazione fu congelata, rinviata alla chiusura del bilancio consuntivo (che nel frattempo è stato approvato), ma evidentemente all’interno del gruppo consiliare ci si guarda in cagnesco, se è vero che alcuni ritengono altri non legittimati a pubblicare post su Facebook a nome del Movimento 5 Stelle.

Prima qualcuno ha rimosso e cancellato per 3 volte il post del video della portavoce Ciancio dove denuncia le porcate…

Pubblicato da Antonino Randazzo su Lunedì 10 dicembre 2018

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.