Ancora caos tra i 5 Stelle di Palermo, Randazzo: "Io rimosso da amministratore della pagina Facebook" :ilSicilia.it

Di nuovo una polemica interna nei pentastellati

Ancora caos tra i 5 Stelle di Palermo, Randazzo: “Io rimosso da amministratore della pagina Facebook”

di
10 Dicembre 2018

Sembra non trovare pace il Movimento 5 Stelle a Palermo. L’ultima scossa di terremoto interna ai pentastellati la provoca un post pubblicato su Facebook dal consigliere Antonino Randazzo. Quest’ultimo denuncia di essere stato rimosso dagli amministratori della pagina ufficiale dei pentastellati in seguito alla pubblicazione di un post che conteneva il video di un intervento all’Ars della deputata regionale Gianina Ciancio.

Prima qualcuno ha rimosso e cancellato per 3 volte il post del video della portavoce Ciancio dove denuncia le porcate della vecchia politica all’Ars ( fatico a comprendere i motivi di questa censura) – scrive nel post Randazzo -, qualche istante fa qualcuno ha deciso anche di eliminarmi da amministratore della Pagina del m5s Palermo comunica il consigliere comunale pentastellato – evidentemente perché disturbato dal post della collega all’ARS e per non consentirmi di potere continuare a pubblicare nella pagina del Movimento 5 Stelle Palermo post di portavoce del Movimento 5 stelle“. Randazzo, insomma, consigliere comunale a Sala delle Lapidi e, dunque, portavoce pentastellato, non è più autorizzato a scrivere su facebook per nome e per conto del Movimento stesso, come lui stesso denuncia.

Ma chi è stato a eliminare il consigliere dalla lista degli amministratori della pagina? Ebbene, qualche indizio lo fornisce lo stesso autore del post. In risposta a un commento che chiedeva lumi sulla vicenda, infatti, Randazzo scrive di avere domandato egli stesso a due degli amministratori (Concetta Amella e Viviana Lo Monaco, anche loro consigliere del M5s e amministratrici della pagina) se avessero saputo cosa fosse successo. Le due gli avrebbero risposto privatamente di non saperne nulla. Qualche commento più giù, però, Randazzo precisa di avere scritto in un gruppo in cui sono inclusi tutti gli amministratori della pagina, e allega tanto di screenshot con le facce di tutti i consiglieri comunali pentastellati (ossia, oltre a Randazzo, Amella e Lo Monaco, anche Ugo Forello e Giulia Argiroffi). Randazzo, insomma, sembra indicare ‘per esclusione’ in questi ultimi due i principali ‘sospettati‘ della rimozione.

Potrebbe, insomma, trattarsi di uno strascico della vicenda della mancata rotazione del capogruppo a Sala delle Lapidi. In quell’occasione fu Forello che gridò all’epurazione, dopo che, ancora una volta sulla pagina Facebook del Movimento 5 Stelle Palermo, fu annunciata la rotazione del capogruppo a Sala delle Lapidi, con Randazzo che sarebbe dovuto subentrare proprio a Forello. La rotazione fu congelata, rinviata alla chiusura del bilancio consuntivo (che nel frattempo è stato approvato), ma evidentemente all’interno del gruppo consiliare ci si guarda in cagnesco, se è vero che alcuni ritengono altri non legittimati a pubblicare post su Facebook a nome del Movimento 5 Stelle.

Prima qualcuno ha rimosso e cancellato per 3 volte il post del video della portavoce Ciancio dove denuncia le porcate…

Pubblicato da Antonino Randazzo su Lunedì 10 dicembre 2018

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Redazione

Dalle 700 bare ai Rotoli alla vita eterna!

Il progetto del cimitero da realizzare a Ciaculli risale al 2007, ben 13 anni or sono. Nel 2012 viene inserito nel piano triennale delle opere pubbliche del comune di Palermo, ma senza un euro di finanziamento
Politica
di Elio Sanfilippo

La politica, la storia e l’entusiasmo di zio Emanuele

Ci sarà tempo per ricordare la figura di Emanuele Macaluso, il suo impegno politico per liberare dal bisogno e dalla sofferenza la gente più povera e indifesa, migliorare le condizioni di vita dei lavoratori, tutelando diritti e dignità

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin