Ancora polemiche sul Caravaggio di Siracusa, Granata: "Pessima reputazione all'immagine della città" :ilSicilia.it
Siracusa

la tela spostata

Ancora polemiche sul Caravaggio di Siracusa, Granata: “Pessima reputazione all’immagine della città”

di
3 Settembre 2020

Fabio Granata, assessore alla Cultura della Città di Siracusa, interviene sulla polemica relativa alla tela “Seppellimento di Santa Lucia” di Caravaggio, che si trova nella chiesa della Badia di Ortigia, e che in autunno sarà spostata a Rovereto in Trentino, in una mostra curata da Vittorio Sgarbi.

«Questa “insostenibile” commedia sul Caravaggio rende, comunque finisca, un pessimo servizio alla reputazione e all’immagine della nostra Città. L’intero sistema mondiale delle Mostre e dell’Arte è basato sulla libera circolazione attraverso scambi e prestiti delle Opere che viaggiano e ritornano ai loro siti, con tutte le garanzie di sicurezza… facendo circolare suggestioni, cultura, emozioni. La nostra piccola Siracusa, decide di tirarsi fuori da tutto questo, abbarbicata al “suo” Caravaggio, con motivazioni che a me sembrano provinciali e sopratutto incomprensibili.

fabio granataIl Comune, lo ripeto per l’ultima volta, non aveva e non ha competenza alcuna sul quadro. Il Sindaco ha voluto legittimamente interpretare un sentimento che lui ritiene maggioritario in città. Io, alla luce della nostra mancanza di competenze e dopo aver partecipato alla Conferenza stampa del Maniace da Assessore alla Cultura delegato dal Sindaco, mi sono invece sempre mosso solo nella logica di assicurare alla Città tre importanti risultati: la Mostra/scambio, la Copia e sopratutto il ritorno della tela messa in sicurezza, nella sua sede naturale, determinando così una fase nuova nella vita della Borgata.

A questo punto, se il Caravaggio partirà, l’Amministrazione Comunale, relativamente alla Grande Mostra sul ‘900 italiano, per dignità ma anche per coerenza con la posizione espressa dal Sindaco, non potrà più esser tra gli organizzatori, nonostante lo scambio e la conseguente Mostra siano state proposte, discusse e decise tra me e Vittorio Sgarbi. Ma sono certo che il Mart non mancherà al suo impegno con la Città, magari organizzando la Mostra attraverso la Regione siciliana. Infine, nessun problema con Italia e nessuna “sconfessione”, visto che per nostra fortuna non siamo una chiesa: abbiamo due ruoli diversi e siamo due uomini liberi, uniti dall’amore per la nostra Città».

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin