Ancora ritardi per il viadotto Himera, l'assessore Falcone: "Sollevare Anas dall'incarico" :ilSicilia.it
Palermo

BOTTA E RISPOSTA FRA IL GOVERNO REGIONALE E ANAS

Ancora ritardi per il viadotto Himera, l’assessore Falcone: “Sollevare Anas dall’incarico”

di
14 Maggio 2020

Nuovi ritardi nel completamento del viadotto Himera, bretella di collegamento dell’autostrada A-19 Palermo – Catania.

Alla base di questo nuovo slittamento vi sarebbe l’emergenza coronavirus, che ha rallentato la produzione industriale di Anas nel Nord Italia. Non si è fatta attendere la dura risposta dell’assessore alle Infrastrutture della Regione Siciliana, Marco Falcone.

LE PAROLE DELL’ASSESSORE MARCO FALCONE

Stamane dobbiamo prendere atto di un’amara realtà. I lavori al viadotto Himera subiranno l’ennesimo rinvio di un altro mese e mezzo rispetto all’ultima data indicata dall’Anas per la consegna dell’opera, cioè luglio. Dinanzi ai continui ritardi sulla costruzione di meno di 300 metri di autostrada, un cantiere diventato un’agonia lunga cinque anni, le date e le promesse lasciano il tempo che trovano“.

Marco Falcone

Oggi chiediamo al Ministero delle Infrastrutture di intervenire una volta per tutte. Si rescinda il contratto con l’impresa appaltatrice e si sollevi l’Anas dalla responsabilità dell’opera“.

Ai ritardi dovuti all’emergenza coronavirus – spiega l’assessore –  si sommano ulteriori rallentamenti che trovano giustificazione solo nell’incapacità di Anas a far rispettare tempi e scadenze. Il Ministero delle Infrastrutture, adesso, e’ chiamato a sanare la ferita di un’Italia a due velocità sul piano infrastrutturale”.

Chiediamo – conclude Falcone – che l’impresa e l’Anas lascino il viadotto Himera e che il ministro Paola De Micheli affidi alla Regione il commissariamento dell’opera con poteri sul modello attuato a Genova per il ponte Morandi“.

LA NOTA DI ANAS

In merito ai tempi di realizzazione del nuovo viadotto Himera“, Anas chiarisce che “l’ulteriore slittamento della data di ultimazione è imputabile esclusivamente all’emergenza covid-19“.

Tale evento – come è noto a tutti – ha impattato negativamente sull’intera filiera produttiva, dilatando i cronoprogrammi di tutti i cantieri in corso. Nel caso specifico, l’impresa fornitrice del nord Italia è stata costretta a rallentare fortemente la produzione”. Quindi, sottolinea l’azienda, “la successiva fornitura degli appoggi in acciaio dell’impalcato del viadotto“.

Al di là di ogni valutazione sul rispetto dei tempi da parte dell’impresa appaltatrice, in generale la rescissione di un contratto in fase avanzata o, come nel caso dell’Imera, in via di completamento, comporta una forte dilatazione dei tempi di esecuzione complessivi“.

Le sole procedure per espletare una nuova gara d’appalto sarebbero – infatti – di gran lunga superiori al tempo necessario per portare a compimento l’opera. Anas prosegue, pertanto, il suo impegno nel seguire i lavori e portarli a termine limitando i ritardi”.

I SINDACATI: “BASTA RITARDI”

Non è più tollerabile l’ennesimo rinvio dei lavori del viadotto Himera. E’ necessario che intervenga urgentemente il governo nazionale e si convochi un incontro con la Regione e l’Anas per trovare una soluzione immediata e mettere fine a questa telenovela ridicola, che pesa come un macigno sul destino dei siciliani“.

Lo dicono, in una nota congiunta, il segretario generale della Filca Cisl, Paolo D’Anca e i segretari della Feneal Uil e Fillea Cgil, Francesco Di Martino e Mario Ridulfo, che aggiungono: “Basta rimpalli e stop, è arrivato il momento delle responsabilità, ognuno faccia la sua parte. Riteniamo che sia improcrastinabile la convocazione di un tavolo tecnico con tutti gli interlocutori interessati per discutere del viadotto Himera e di tutte le altre opere incompiute perché non è  più tempo dello scarica barile, e degli spot ma bisogna passare una volta per tutte delle parole ai fatti“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin