Ancora sbarchi in Sicilia: hotspot di Lampedusa nuovamente al collasso :ilSicilia.it
Agrigento

Barchini soccorsi in mare

Ancora sbarchi in Sicilia: hotspot di Lampedusa nuovamente al collasso

di
3 Novembre 2020

Le motovedette della Guardia di finanza e della Capitaneria di porto hanno continuato durante la notte ad intervenire sugli innumerevoli sbarchi a Lampedusa dove si sono registrati, da dopo la mezzanotte, sette approdi.

Complessivamente sono stati 287 migranti arrivati. Dopo gli sbarchi al molo commerciale e un primo controllo della temperatura, i gruppi sono stati portati all’hotspot di contrada Imbriacola  dove si trovano 823 persone.

La prima imbarcazione è arrivata a molo Madonnina poco prima della mezzanotte. A soccorrerla, a due miglia e mezzo da Lampedusa , una motovedetta della Capitaneria di porto. A bordo c’erano 78 persone di varie nazionalità. Un’ora dopo è arrivato, soccorso a 7 miglia dal porto dalla Guardia costiera, un barchino con 15 tunisini.

Prima delle 2,30, una motovedetta della Guardia di finanza aveva intercettato a 4 miglia dalla costa un natante con a bordo 14 tunisini fra cui un minorenne. I carabinieri di Lampedusa, nel frattempo, rintracciavano – vicino molo Madonnina – 16 tunisini, compreso un minorenne. L’imbarcazione utilizzata per la traversata in questo caso non è stata trovata. Alle 4 sono giunti 64 tunisini che erano a bordo di un’imbarcazione alla deriva e pochi minuti dopo altri sei loro connazionali tunisini che erano stati trasbordati dai soccorritori.

All’alba, una motovedetta della Guardia di finanza ha sbarcato a molo Favarolo 94 immigrati di diversa nazionalità. Erano stato soccorsi a 3 miglia a Sud di Lampedusa mentre si trovavano su un’imbarcazione di circa 10 metri che è stata sequestrata. Tutti sono stati portati nell’hotspot dell’isola che adesso ha 823 ospiti.

**AGGIORNAMENTO**

Salgono a 460 i migranti arrivati a Lampedusa da poco prima della mezzanotte. Ci sono stati infatti altri due sbarchi, che si aggiungono ai sette delle ultime ore. Un barcone di 10 metri, con a bordo 91 tunisini, è stato rintracciato a circa 2 miglia a Sud dall’isola.

I migranti sono stati trasbordati sulla motovedetta della Capitaneria di porto e il natante è stato lasciato alla deriva. Mentre erano in corso queste operazioni, a Cala Pisana approdavano 82 subsahariani che sono riusciti ad arrivare direttamente sulla terraferma con un gommone di 10 metri.

Altri 4 sbarchi, con 267 migranti, si sono susseguiti e si è giunti a 13 sbarchi a partire da stanotte. Un ritmo che sembra ricalcare quello di luglio ed agosto. Anche perchè le condizioni del mare vengono date come molto buone, anche per i prossimi due o tre giorni.

Da stanotte il numero delle persone sbarcate è arrivato a 727. E all’hotspot ci sono 1.263 immigrati.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Redazione

Dalle 700 bare ai Rotoli alla vita eterna!

Il progetto del cimitero da realizzare a Ciaculli risale al 2007, ben 13 anni or sono. Nel 2012 viene inserito nel piano triennale delle opere pubbliche del comune di Palermo, ma senza un euro di finanziamento
Politica
di Elio Sanfilippo

La politica, la storia e l’entusiasmo di zio Emanuele

Ci sarà tempo per ricordare la figura di Emanuele Macaluso, il suo impegno politico per liberare dal bisogno e dalla sofferenza la gente più povera e indifesa, migliorare le condizioni di vita dei lavoratori, tutelando diritti e dignità

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin