Ancora vuota la poltrona del viceministro Cancelleri: silenzio all'Ars :ilSicilia.it

ancora nessun sostituto a palazzo dei normanni

Ancora vuota la poltrona del viceministro Cancelleri: silenzio all’Ars

di
30 Ottobre 2019

Resta ancora vacante la poltrona di Giancarlo Cancelleri all’Ars.

Tutto fermo a Palazzo dei Normanni dopo che l’ex capogruppo dei grillini è stato nominato neo viceministro alle Infrastrutture del governo giallo-rosso. Il Movimento 5 Stelle, circa un mese fa, scalciava e pressava a sala D’Ercole, per sostituire velocemente il neo ministro. Anche perché ancora oggi rimane vacante anche una poltrona in I Commissione, la stessa che ha scaldato Cancelleri, che in questi mesi insieme ai rappresentati dell’opposizione  ha fatto una battaglia contro le nomine presentate dal governo sui Parchi naturali.

Ma alla fine la Giunta ha ceduto alle tante proteste sollevate dalle opposizioni, in particolare sulla designazione di Carlo Caputo alla guida dell’Ente Parco dell’Etna. Caputo, ex sindaco di Belpasso, è uomo vicino al movimento del governatore Musumeci e la sua nomina a Presidente di uno dei più importanti Parchi siciliani aveva determinato una levata di scudi nel Pd e nel Movimento 5 stelle, ma non solo.

Ma sembrerebbe che ad oggi, quasi non interessasse a nessuno di chi dovrebbe prendere il posto di Giancarlo Cancelleri a Palazzo dei Normanni. Se il neo-ministro fosse stato eletto nel collegio di Caltanissetta, la risposta sarebbe: a Ketty Damante, prima dei non eletti, già assessore a Gela, oggi nello staff del deputato Luigi Sunseri. Ma Cancelleri nel 2017 è entrato in quanto miglior perdente fra i candidati governatori, lasciando il seggio nisseno a Nuccio Di Paola. E allora? Nella vacatio legis (ma una sentenza del Tar di Palermo fa giurisprudenza) deciderà la commissione verifica poteri dell’Ars.

A quanto pare proprio Baldo Gucciardi, deputato del Pd e componente della commissione, sta stilando una relazione per verificare la congruenza dei pareri in merito ai candidati non eletti.

Ma perché questo silenzio in merito alla vicenda? E soprattutto perché queste lungaggini burocratiche?

Un dato è certo che di questa storia esiste un precedente. Nel 2008 Anna Finocchiaro, sconfitta da Raffaele Lombardo, rinunciò all’Ars da “miglior perdente” optando per il Senato. A contendersi il posto furono la prima del “listino” di Finocchiaro (all’epoca Rita Borsellino) e il terzo fra i candidati governatori (Sonia Alfano). Ma il seggio fu assegnato dall’Ars a Bernardo Mattarella – figlio di Piersanti e nipote di Sergio – primo dei non eletti del Pd (unica lista a sostegno di Finocchiaro sopra il 5%) nel collegio di Palermo, perché con il quoziente più alto di scarti.  Da Palazzo dei Normanni trapela che, non essendo in discussione l’attribuzione al M5S, per analogia con altre leggi elettorali, il seggio andrebbe all’unica lista provinciale in cui Cancelleri era candidato all’Ars. Ovvero: a Caltanissetta. Dunque: a Damante. Ma qualcuno vocifera che sala d’Ercole potrebbe rimanere con 69 deputati piuttosto che 70.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Il senso del rossetto

Mi ostino a truccare le mie labbra con il rossetto, anche se in pochi lo vedranno. Si tratta di un atto di ribellione al clima che viviamo e a quella me stessa che, durante il lockdown, indossava sempre gli stessi vestiti ed era arrivata al fondo della sua sciatteria? Ebbene, eravamo solo agli inizi
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

Empatia e dieta

L’importanza della relazione con il professionista della salute, in una dieta per raggiungere il peso desiderabile e la cura delle emozioni. Cos'è l'empatia?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.