Anello ferroviario, liberata dai cantieri piazza Castelnuovo :ilSicilia.it
Palermo

La Tecnis restituisce l'area al Comune, ma solo temporaneamente

Anello ferroviario, liberata dai cantieri piazza Castelnuovo

16 Marzo 2017

Piazza Politeama - Anello Saranno quasi completamente libere entro pochi giorni le aree attualmente occupate a Piazza Castelnuovo per i lavori del completamento dell’Anello ferroviario. Lo ha comunicato oggi la Tecnis in una nota inviata al Comune nella quale, facendo seguito agli incontri avuti dalla società con l’Amministrazione comunale e con RFI, si conferma la volontà di dismettere due delle aree attualmente utilizzate, fin quando non si sarà pronti per un veloce avvio della realizzazione della fermata Politeama.

In particolare, sarà del tutto restituita alla libera fruizione l’area del marciapiedi e della strada antistante gli esercizi commerciali che si affacciano su piazza Castelnuovo dal lato di Piazza Bagnasco e sarà quasi del tutto liberata l’area centrale della piazza, nella parte che fronteggia il Palchetto della musica. Resterà occupata una piccola area ad angolo con la via Dante; “una occupazione minima spiegano dalla Tecnis che garantisca una ripresa celere delle attività di ri-cantieramento al momento in cui esso si renderà indispensabile”.

 

“Siamo contenti di questa disponibilità manifestata da Tecnis – hanno detto il sindaco Leoluca Orlando e l’assessore alle Infrastrutture Emilio Arcuri che è segno di una attenzione alle necessità della città e degli esercizi commerciali che indubbiamente hanno sofferto per la prolungata cantierizzazione delle aree. Ci auguriamo che tutto questo sia da preludio a che tutte le energie disponibili si concentrino sulla prosecuzione dei lavori nei tempi più rapidi possibili perché il completamento dell’Anello resta un obiettivo importante per la vivibilità e la mobilità a Palermo.”

In attesa, dunque, della variante al progetto per salvare gli alberi della piazza, il cantiere sarà smantellato.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Magistratura e politica

Dal blog "Segreti e non misteri", Alberto Di Pisa riflette sul difficile rapporto fra magistratura e politica, in uno sistema di diritto come quello italiano.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.