Anello ferroviario Palermo: dopo due anni riapre il cantiere della stazione Libertà :ilSicilia.it
Palermo

fermata Libertà tra Notarbartolo e Imperatore Federico

Anello ferroviario Palermo: dopo due anni riapre il cantiere della stazione Libertà

di
3 Febbraio 2020

Alle 7,30 di stamani, tre febbraio 2020, un escavatore è apparso magicamente in via Sicilia per riprendere i lavori dell’ anello ferroviario per la realizzazione della stazione Libertà.

Il cantiere, fermo da circa due anni, ha sempre recato disagio al quartiere con la chiusura della strada e la riduzione dei marciapiedi. Lo stop era avvenuto a causa dell fallimento dell’azienda Tecnis e dei ritardi della procedura di vendita causanti dal fermo dal ministero dello Sviluppo economico con la riapertura dei termini per le offerte, scaduti lo scorso 29 aprile.

I residenti e i commercianti, che da anni attendono la fine di un cantiere deserto, giorno dopo giorno, quindi sperano in un miracolo, dopo anni di disagi senza alcun beneficio.

Intanto il primo danno è stato fatto. Infatti, nell’entrare l’escavatore ha colpito un palo ed ha tirato un cavo della luce, rendendo così pericolo l’attraversamento dei pedoni e degli automobilisti che hanno la macchina parcheggiata in quella via.

circolazione dei treni da dicembre prevede la realizzazione delle fermate Porto, Politeama e Malaspina e l’aggiunta della fermata Libertà tra le stazioni di Palermo Notarbartolo e Imperatore Federico. Quando sarà completato, dunque, l’anello ferroviario comprenderà otto fermate.

Nell’ottobre del 2020 era previsto lo stop ai lavori per strada e il via a quelli sotterranei per i successivi 18 mesi mentre, per quanto riguardava l’apertura, era stata pianificata la circolazione dei treni da dicembre 2022 ma, con i continui ritardi, ancora non è stata socializzata la nuova ipotetica time line.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin