Angelo Figuccia: "Ratti padroni a Palermo, da oggi la chiameremo Topolandia" | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Banner Bibo
Palermo

La denuncia è dell'ex consigliere comunale

Angelo Figuccia: “Ratti padroni a Palermo, da oggi la chiameremo Topolandia”

di
28 Agosto 2018

“L’incapacità di gestione delle emergenze su tutti i fronti era già nota ma oggi ancor di più, la vituperanza di quest’amministrazione per la pulizia e il decoro urbano, ha assunto dimensioni abnormi”.

A denunciarlo in una nota è il presidente del comitato per i diritti dei cittadini Angelo Figuccia che prosegue. “Oggi, i topi su via Falconara corrono più frequentemente degli autobus è quasi quasi residenti di questa periferia si allettano all’idea di trattarli come vere e proprie motocarrozzette per raggiungere il centro città”.

angelo figuccia
                                                                             Angelo Figuccia

Una vergogna inaudita – aggiunge -che fa di Palermo un nuovo parco divertimenti attraversato dai fiumi improvvisati dalle piogge e da infinità di topi: la chiameremo Topolandia. Orlando – conclude Figuccia – assuma le vesti de Il gatto con gli stivali che con il suo flauto magico, verosimilmente riuscirà a trascinare dietro di sé la popolazione palermitana di topi che dalle vie della decantata Capitale della cultura, accorrerebbero alle note della dolce melodia verso villa Niscemi”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin