18 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 16.02
Messina

Dall’11 al 14 luglio l'isola diventa “capitale dello spettacolo”

Anna Mazzamauro e Arturo Brachetti: due stelle del teatro nel parterre di Marefestival a Salina

4 Luglio 2019

Da isola del film premio Oscar “Il Postino”, che 25 anni fa incantò il mondo intero, a isola di Marefestival, Salina si conferma un luogo magico dell’arcipelago eoliano che ogni anno accoglie illustri personaggi del cinema e dello spettacolo: il programma dell’ottava edizione si preannuncia particolarmente articolato e variegato.

Alla lunga lista di prestigiose presenze tra cui Giorgio Tirabassi, Miriam Leone, Ezio Greggio, Roby Facchinetti, la madrina Maria Grazia Cucinotta, brilleranno nelle serate delle piazze di Santa Marina e Malfa due stelle del palcoscenico: Anna Mazzamauro e Arturo Brachetti.

“Il nostro Festival è un contenitore culturale – spiega il giornalista Massimiliano Cavaleri, fondatore e direttore artistico – abbiamo sempre dato spazio non solo al grande schermo e alle proiezioni di lungometraggi, corti e documentari ma anche ad altre forme d’arte come teatro, letteratura, musica, televisione; ogni anno raccontiamo e celebriamo talenti straordinari nel ricordo di Troisi”.

La Mazzamauro, fuoriclasse della scena, icona di ironia e comicità femminile, con oltre 54 anni di carriera ha conquistato un posto speciale nel cuore degli italiani, prima con la popolarità raggiunta grazie al ruolo della signorina Silvani al fianco di Paolo Villaggio nelle memorabili commedie di Fantozzi e Fracchia, poi con un lungo percorso teatrale ricco di successi, come il più recente di “Nuda e cruda”, in replica addirittura per sei stagioni consecutive con diversi sold out. Di recente diretta da Fausto Brizzi (già Premio Troisi 2018) in “Poveri ma ricchi” e il sequel “Poveri ma ricchissimi”, l’attrice sarà presente alla conferenza di apertura giovedì 11 al Porto Bello, protagonista della serata di sabato 13 in piazza Santa Marina e domenica 14 in un talk show a Malfa all’Hotel Ravesi.

Arturo Brachetti, ospite di Marefestival nella scorsa edizione per consegnare il Premio Troisi alla cantante Gigliola Cinquetti, è uno degli attori e registi teatrali più seguiti anche all’estero: dalla fine degli anni ’70 con le sue impareggiabili capacità ha stregato spettatori e critica di tutto il mondo, reinventando l’arte del trasformismo, dimenticata dopo Leopoldo Fregoli e affermandosi in tutto il mondo come “la leggenda del quick-change”. Innumerevoli performance e tour in tanti paesi lo hanno reso indiscusso e camaleontico artista capace di cambiare in un battito di ciglia, non solo l’abito ma soprattutto l’anima del personaggio.

Maria Grazia Cucinotta e il direttore artistico Massimiliano Cavaleri
Maria Grazia Cucinotta e il direttore artistico Massimiliano Cavaleri

Sarà premiato nella serata di sabato 13 nella piazza di Santa Marina che già nel 2018 l’ha applaudito con grande calore e si racconterà domenica 14 in un’intervista all’Hotel I Cinque Balconi in un evento ideato insieme a Massimo Lo Schiavo, da sempre sostenitore di Marefestival prima come sindaco, poi come imprenditore.

“Salina registra già da mesi il pieno in tantissime strutture ricettive – sottolinea Patrizia Casale, organizzatrice della manifestazione con l’associazione Prima Sicilia – ciò significa che il Festival oltre ad essere un grande evento del calendario estivo, crea un notevole e prezioso indotto economico per le isole minori”.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Cos’è il matrimonio?

Nel matrimonio è assolutamente sbagliato restare insieme a tutti i costi. Le liti possono essere campanelli di allarme prima del disastro e delle tragedie conseguenti a separazioni dettate dall’odio e dalla frustrazione.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Lavori “like”

Sono sempre affascinato dalle discussioni che nascono quando il tema riguarda la trasformazione della propria città. Molto spesso si cade nella trappola di far diventare politica tutto quanto accade attorno a noi
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.