Anno della cultura Italia-Cina: molti i turisti in arrivo, ma dalla Sicilia nessun volo diretto :ilSicilia.it

Soltanto annunci finora

Anno della cultura Italia-Cina: molti i turisti in arrivo, ma dalla Sicilia nessun volo diretto

di
21 Gennaio 2020

Turisti cinesi in aumento in Italia, ma in Sicilia sono pochi. E per giunta, nessun volo diretto esiste fra i principali aeroporti dell’Isola e la Repubblica Popolare Cinese. Non ci sono collegamenti dall’aeroporto Falcone – Borsellino di Palermo e nemmeno dallo scalo catanese di Fontanarossa.

Eppure, nel febbraio del 2019 l’allora assessore regionale al Turismo Sandro Pappalardo aveva preannunciato che vi sarebbero stati voli diretti dalla Sicilia alla Cina, anche se il componente della giunta non si era sbilanciato sull’aeroporto. La notizia era tornata a circolare in occasione della visita del Presidente della Repubblica Popolare Cinese Xi Jinping un mese dopo. Da allora, però, nessun collegamento diretto è stato attivato dalla Sicilia con il Paese dell’Estremo Oriente. Nel frattempo, non pare che si sia mosso nulla e neanche i due scali aeroportuali in questo lasso di tempo avrebbero sottoscritto accordi con vettori in grado di effettuare voli diretti.

Insomma, sembrerebbe un’occasione persa proprio nell’Anno della Cultura Italia-Cina, inaugurato a Roma, oggi 21 gennaio. E i numeri del recente passato confermano che in Sicilia la presenza dei turisti cinesi non è fra le più forti, anzi: secondo alcuni dati pubblicati da Ant ed elaborati da Forwardkeys, infatti, mentre nel 2019 il turismo dalla Cina è cresciuto del 16 per cento, nel 2018 i pernottamenti di cittadini cinesi nell’Isola sarebbero crollati del 93,9 per cento.

In pratica, il dato complessivo della presenza turistica cinese in Italia è in aumento e anche i voli fra i due Paesi, come confermano anche i dati diffusi dall’Agenzia Nazionale per il Turismo, oggi presieduta proprio dall’ex assessore Pappalardo, secondo cui in occasione della celebrazione dell’Anno della Cultura Italia-Cina i collegamenti aerei aumenteranno ogni settimana da 56 a 108, fino a diventare 164 nel 2022. Nessuno di questi, però, partirà dalla Sicilia.

Insomma, la Via della Seta al momento sembra non essere presa in considerazione dagli aeroporti dell’Isola. Attualmente in Sicilia arriverebbero dalla Cina tra i 400 e i 500 turisti al giorno. Cifra che, è prevedibile, sarebbe di gran lunga più elevata in presenza di collegamenti diretti. Ma per avere la certezza empirica si dovrà ancora attendere.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“Teoremi, Postulati e Dogmi”

Oggi il capo non vuole più esser messo in discussione. Una mente matematica come la mia nella sua vita si è nutrita di teoremi i quali partendo da condizioni iniziali arbitrariamente stabilite, giungono a conclusioni, dandone una dimostrazione.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.