Anno della cultura Italia-Cina: molti i turisti in arrivo, ma dalla Sicilia nessun volo diretto :ilSicilia.it

Soltanto annunci finora

Anno della cultura Italia-Cina: molti i turisti in arrivo, ma dalla Sicilia nessun volo diretto

di
21 Gennaio 2020

Turisti cinesi in aumento in Italia, ma in Sicilia sono pochi. E per giunta, nessun volo diretto esiste fra i principali aeroporti dell’Isola e la Repubblica Popolare Cinese. Non ci sono collegamenti dall’aeroporto Falcone – Borsellino di Palermo e nemmeno dallo scalo catanese di Fontanarossa.

Eppure, nel febbraio del 2019 l’allora assessore regionale al Turismo Sandro Pappalardo aveva preannunciato che vi sarebbero stati voli diretti dalla Sicilia alla Cina, anche se il componente della giunta non si era sbilanciato sull’aeroporto. La notizia era tornata a circolare in occasione della visita del Presidente della Repubblica Popolare Cinese Xi Jinping un mese dopo. Da allora, però, nessun collegamento diretto è stato attivato dalla Sicilia con il Paese dell’Estremo Oriente. Nel frattempo, non pare che si sia mosso nulla e neanche i due scali aeroportuali in questo lasso di tempo avrebbero sottoscritto accordi con vettori in grado di effettuare voli diretti.

Insomma, sembrerebbe un’occasione persa proprio nell’Anno della Cultura Italia-Cina, inaugurato a Roma, oggi 21 gennaio. E i numeri del recente passato confermano che in Sicilia la presenza dei turisti cinesi non è fra le più forti, anzi: secondo alcuni dati pubblicati da Ant ed elaborati da Forwardkeys, infatti, mentre nel 2019 il turismo dalla Cina è cresciuto del 16 per cento, nel 2018 i pernottamenti di cittadini cinesi nell’Isola sarebbero crollati del 93,9 per cento.

In pratica, il dato complessivo della presenza turistica cinese in Italia è in aumento e anche i voli fra i due Paesi, come confermano anche i dati diffusi dall’Agenzia Nazionale per il Turismo, oggi presieduta proprio dall’ex assessore Pappalardo, secondo cui in occasione della celebrazione dell’Anno della Cultura Italia-Cina i collegamenti aerei aumenteranno ogni settimana da 56 a 108, fino a diventare 164 nel 2022. Nessuno di questi, però, partirà dalla Sicilia.

Insomma, la Via della Seta al momento sembra non essere presa in considerazione dagli aeroporti dell’Isola. Attualmente in Sicilia arriverebbero dalla Cina tra i 400 e i 500 turisti al giorno. Cifra che, è prevedibile, sarebbe di gran lunga più elevata in presenza di collegamenti diretti. Ma per avere la certezza empirica si dovrà ancora attendere.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro