Anti Sicilia Occidentale, l'avvocato Alessandro Dagnino eletto presidente :ilSicilia.it

l'annuncio

Anti Sicilia Occidentale, l’avvocato Alessandro Dagnino eletto presidente

di
26 Febbraio 2021

L’avvocato Alessandro Dagnino, docente universitario di diritto tributario, è il nuovo presidente dell’ANTI (Associazione nazionale tributaristi italiani, ndr) Sicilia Occidentale.

A stabilirlo è stata l’assemblea dei tributaristi che, ieri, ha eletto all’unanimità il nuovo presidente e il consiglio direttivo.

Quest’ultimo, oltre che dall’avvocato Dagnino, è composto dal professor Marco Cedro, che ricoprirà la carica di vicepresidente, dal dottor Marcello Barbaro (segretario generale), dall’avvocato Isabella Catalano e dal dottor Massimo Strazzeri. Inoltre, sono stati eletti come coordinatori dei comitati: Luigi Cinquemani e Chiara Gioè, entrambi avvocati e docenti universitari.

Dagnino succede al professor Salvatore Sammartino, che durante la stessa seduta è stato eletto per acclamazione presidente onorario.

“Ringrazio i colleghi per la fiducia conferitami con l’elezione a presidente – ha commentato Alessandro Dagnino – mentre rivolgo i miei più cari ringraziamenti al presidente uscente Salvatore Sammartino per il mandato espletato”.

Insieme a tutto il consiglio direttivo, saluto questo incarico nella coscienza del ruolo di cerniera fra i cittadini e lo Stato che i tributaristi sono chiamati a svolgere. Il valore di questa funzione si percepisce soprattutto in un periodo di
crisi, ma contemporaneamente di opportunità, come quello che l’Italia sta attraversando. Centrale – conclude l’avvocato Dagnino -, sarà infine, il contributo della nostra associazione al dibattito sulla riforma fiscale avviato dal presidente del Consiglio dei Ministri con le sue dichiarazioni programmatiche”.

L’ANTI Sicilia Occidentale è la sezione locale dell’Associazione Nazionale Tributaristi Italiani (www.antitributaristi.it [1]), associazione dei più qualificati docenti universitari, di studiosi della materia e di professionisti.

Costituita nel 1949 sotto gli auspici di Ezio Vanoni, Ministro delle Finanze dell’epoca, ha per sue finalità istitutive la promozione di studi e ricerche nel campo del diritto tributario con particolare riguardo a quelli attinenti alla razionalizzazione e perfezionamento del  sistema tributario; la cooperazione con l’Amministrazione Finanziaria
e con tutte le altre istituzioni pubbliche per la migliore interpretazione ed applicazione delle norme tributarie; la divulgazione con ogni mezzo della conoscenza della normativa tributaria; la tutela legittima e qualificata dei contribuenti.

L’Associazione nazionale dei tributaristi è socio fondatore della CFE (Confédération Fiscale Européenne ) costituita nel 1959 ed attualmente con sede a Bruxelles, alla quale aderiscono 31 associazioni nazionali professionali, comunitarie e non, unico organismo fiscale accreditato presso la Commissione Europea.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin