Antigone Sicilia: "35 suicidi nelle carceri italiane, l'ultimo a Palermo" :ilSicilia.it

LA NOTA DI PINO APPRENDI

Antigone Sicilia: “35 suicidi nelle carceri italiane, l’ultimo a Palermo”

di
13 Agosto 2020

“Sono 35, ad oggi, i suicidi nelle carceri italiane, l’ultimo in ordine di tempo al Pagliarelli di Palermo. Sono morti violente,  dove difficilmente se ne ricostruiscono le esatte dinamiche. I compagni di cella non si accorgono di nulla; queste persone si muovono come i fantasmi, non fanno rumore, come la loro morte che non sente nessuno, tranne i propri cari, un silenzio spettrale. Sono morti scomodi, non li piangerà la società, anzi, un pensiero in meno, una bocca da sfamare in meno a spese dello Stato”.

Lo dice Pino Apprendi presidente di Antigone Sicilia e co-presidente del Comitato Esistono i Diritti.

“I familiari – aggiunge – invano cercheranno di “capire” perché il padre, il figlio, ha deciso di cedere, forse la ricerca di quella libertà tanto sognata. Scegliere la morte per essere liberi per oltrepassare le sbarre del carcere. I “buoni” tireranno un sospiro di sollievo, ne leggeranno le sue malefatte e lo malediranno. Si fanno le campagne contro i Garanti regionali e nazionale, mentre a Palermo il Comitato Esistono i Diritti si batte ormai da tempo per istituirne la figura dell’area metropolitana”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.
Ieri 16:47