Antigone Sicilia al Pagliarelli: "Il Covid in carcere c'è, il pericolo è alto" | FOTO :ilSicilia.it
Palermo

Apprendi: "Necessario trovare misure alternative"

Antigone Sicilia al Pagliarelli: “Il Covid in carcere c’è, il pericolo è alto” | FOTO

di
17 Novembre 2020

SCORRI LE FOTO IN ALTO

Seconda tappa degli Osservatori carceri di Antigone. Venerdì scorso hanno visitato l’Ucciardone e oggi la delegazione composta da Simona Di Dio e Pino Apprendi, presidente di Antigone Sicilia, ha visitato la Casa Circondariale Pagliarelli.

Il Covid in carcere c’è ed è un fatto che deve preoccupare tutti“, ha detto il presidente Apprendi.

Il carcere è un luogo vissuto oltre che dai detenuti anche da tante persone che equivalgono quasi il numero dei reclusi. Al Pagliarelli ci sono 1278 detenuti a fronte di una capienza di 1158 e 760 appartenenti alla Polizia Penitenziaria, assistenti socialieducatori, psicologi, infermieri, mediciimpiegati amministrativivolontari e un direttore, quasi lo stesso numero dei ristretti.

Il pericolo è alto, nella prima fase eravamo un poco più tranquilli, ma ora il Covid è entrato prepotentemente in carcere“, ha poi aggiunto, preoccupato.

Alla fine della visita, gli Osservatori si sono incontrati con rappresentanti del Comitato Esistono i Diritti e con il Presidente Gaetano D’Amico, che hanno organizzato un sit-in sul viale Regione Siciliana, all’altezza del carcere di Pagliarelli, con dei cartelli che chiedevano l’istituzione del garante comunale dei detenuti e l’Amnistia.

Bisogna alleggerire la presenza in tutte le carceri con l’amnistia e, in attesa, applicare misure alternative, come gli arresti domiciliari – ha concluso Apprendi –, soprattutto per chi non ha commesso reati gravi, chi è in attesa di giudizio o gravemente malato. Anche la Corte Europea ha richiamato l’Italia per applicare misure alternative alla detenzione in carcere“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il Presidente con le carte in regola

In una fase di scadimento della Politica ricordare Pier Santi Mattarella è come una boccata di ossigeno, un riconoscere che vi è stata, e quindi è possibile, una politica ispirata al bene comune, al buon governo e al progresso della propria terra

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin