Antimafia di facciata: quando Alfano "si inchinò" a Montante :ilSicilia.it

Antimafia di facciata: quando Alfano “si inchinò” a Montante

di
9 Ottobre 2019

Antonello Montante da paladino della giustizia ad una condanna di 14 anni per associazione a delinquere finalizzata alla corruzione.

Una sentenza per il big di Confindustria, amico dell’ex governatore Crocetta e del suo braccio destro Beppe Lumia. Lunghissima le motivazioni della sentenza da parte del Gup di Caltanissetta, Graziella Luparello. Numerosi sono i personaggi politici ed istituzionali a cui si fa riferimento nella sentenza tra cui anche l’ex ministro degli Interni Angelino Alfano.

Il gup nel descrivere il ruolo di Montante osserva: “Neppure l’allora ministro dell’Interno Angelino Alfano, come da lui affermato, poteva permettersi di contraddirlo, e, nell’anno 2013, a sostegno della presunta “primavera degli industriali”, era stato persino “delocalizzato” il Comitato nazionale per l’ordine e la sicurezza pubblica, che, senza alcun precedente nella storia della Repubblica Italiana, si era riunito a Caltanissetta: un’autentica genuflessione istituzionale innanzi a colui che nel 2015, nel pieno della bufera mediatica per il suo coinvolgimento nell’indagine per mafia, riusciva persino a farsi rafforzare il servizio di scorta“.

La dottoressa Luparello fa una dettagliata analisi del sistema che aveva costruito nel corso degli anni il numero uno di Confindustria. “Si era in presenza di una catena di montaggio, con ruoli prestabiliti, assolutamente collaudata e che ha funzionato per diversi anni, per l’esecuzione di un numero elevato di accessi abusivi“.

alfano e montanteSecondo il gup “ciascuno degli anelli della catena di trasmissione era perfettamente consapevole di partecipare ad un’alleanza stabile, finalizzata alla commissione di un numero indeterminato di accessi abusivi al sistema informatico, e perseguiva l’obiettivo di assicurare la longevità operativa del sodalizio, in quanto ciò appariva funzionale al mantenimento di un sistema di potere da cui tutti i federati traevano vantaggio“.

A sollevare il velo sull’importante sistema di potere organizzato da Montante era stata la Procura di Caltanissetta che aveva fatto scattare l’arresto nei confronti dell’imprenditore a maggio dello scorso anno con l’accusa per l’appunto di associazione a delinquere finalizzata alla corruzione. I magistrati indagavano su presunti legami mafiosi dell’ex leader di Confindustria e in questo modo hanno scoperto la rete di spionaggio che lo teneva informato in tempo reale degli sviluppi delle indagini. Lo scenario aperto dal lavoro dei pm ha fatto emergere connivenze istituzionali e politiche.

Nella fase processuale i magistrati hanno ricostruito la rete intorno all’industriale: vi facevano parte vertici delle forze di polizia e dei Servizi segreti, prefetti, imprenditori, giornalisti, magistrati che a lui si rivolgevano per avanzamenti di carriera. L’inchiesta ha raccontato come Montante fosse il destinatario di innumerevoli richieste di raccomandazione: gli investigatori ne hanno trovate almeno una novantina, arrivate tra il 2007 e il 2015, e altre 40 di soggetti che erano stati “certamente” segnalati.

 

LEGGI ANCHE:

Motivazione sentenza Montante: “Di mestiere faceva il ricattatore seriale”

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.