Antoci: "Impegno contro le mafie, appoggio Zingaretti alle primarie del PD" :ilSicilia.it

L'Ex Presidente del Parco dei Nebrodi

Antoci: “Impegno contro le mafie, appoggio Zingaretti alle primarie del PD”

di
12 Febbraio 2019

Giuseppe Antoci, già Responsabile Legalità del PD – vittima di un gravissimo attentato mafioso nel maggio 2016 – appoggerà alla candidatura di Nicola Zingaretti alle primarie del Partito Democratico.

Antoci è stato Presidente del Parco dei Nebrodi dal 2013 al 2018. Per il suo impegno civile e la sua lotta alla mafia Andrea Camilleri lo ha definito “un eroe dei nostri tempi” e il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella lo ha insignito dell’Onoreficenza di Ufficiale al Merito della Repubblica Italiana. Tra i molteplici premi e riconoscimenti nazionali ed Internazionali , il “Financial Times”, nel novembre 2018, dedica alla lotta alla mafia e alla storia di Antoci la prima pagina e la copertina del Magazine allegato.

Antoci, che nelle scorse primarie ha corso in ticket con Michele Emiliano, ufficializza oggi il suo appoggio a Zingaretti motivandolo con la necessità che La lotta alle mafie deve ritornare ad essere fatta con passione, la stessa che animava Peppino Impastato, e ridiventare parte fondante di una nuova agenda politica che ispirandosi a Pio La Torre e Piersanti Mattarella possa rappresentare un faro e un impegno quotidiano” – dichiara Antoci.

Nicola Zingaretti
Nicola Zingaretti

“Abbiamo una Legislazione Antimafia che ci invidiano molti Stati e che, grazie a Magistratura e a Forze dell’Ordine, ha indebolito le mafie; ma può consentire di infliggere ancora duri colpi alle varie associazioni mafiose attraverso un continuo monitoraggio dell’applicazione del Nuovo Codice Antimafia. Dobbiamo attivare una nuova e convincente azione che sia  progettuale e costante e che abbia più funzioni: quella repressivo-giudiziaria, quella sociale-culturale, quella economico-finanziaria, e quella Politico-Istituzionale – aggiunge Antoci.

“La lotta alle mafie deve crescere nel vasto campo della tutela dell’ambiente e dello sviluppo agricolo e turistico del territorio, come ho avuto modo di sperimentare durante la mia presidenza al Parco dei Nebrodi, e deve, inoltre, supportare progetti più ampi di salvaguardia della salute pubblica attraverso, per esempio, processi di decarbonizzazione nel settore industriale o di diffusione della dimensione educativa con la scuola a tempo pieno” – continua Antoci.

“Adesso nel Partito Democratico occorre voltare pagina e affidare il timone a chi, come Nicola Zingaretti, può rappresentare un’opportunità importante per rigenerare il PD e la sinistra. Ho anche letto ed apprezzato l’appello rivolto a Zingaretti da autorevoli esponenti della lotta alla mafia e ne condivido il pensiero. Nicola ha dimostrato nella sua proposta politica nel corso degli anni, come dirigente politico e come amministratore, impegno concreto contro le mafie con azioni forti e risultati contro la criminalità organizzata e la corruzione”.

“Abbiamo concordato con Nicola di improntare, insieme alle migliori intelligenze antimafia del Paese, una forte azione di riattivazione di tutti quei circuiti territoriali e associativi che possano rendere la lotta alle mafie non una vicenda riservata ad alcuni, ma un progetto sociale e culturale condiviso e aperto che coinvolga le tante persone per bene che ogni giorno, facendo il loro dovere, fanno della Legalità un’azione quotidiana di promozione dei diritti e di uno sviluppo realmente sostenibile. Ecco, così si torna a Pio La Torre e a Mattarella, proprio così…”, conclude Antoci.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.