Antoci in commissione antimafia: "Chiedo scusa per non essere morto" :ilSicilia.it

LE PAROLE DELL'EX PRESIDENTE DEL PARCO DEI NEBRODI

Antoci in commissione antimafia: “Chiedo scusa per non essere morto”

di
3 Agosto 2020

L’ex presidente del Parco dei Nebrodi Giuseppe Antoci, nella Sala del Refettorio di Palazzo San Macuto, in audizione alla Commissione parlamentare nazionale di inchiesta sul fenomeno delle mafie, è stato ascoltato in merito all’attentato subito nel 2016.

Il mio è stato un attentato studiato scientificamente. Ma per qualcuno non basta, bisognava morire. Depistaggi e mascariamenti sono cominciati come nella migliore tradizione siciliana“.

La Dda di Messina – ha affermato dinanzi ai parlamentari – ha affidato alla polizia scientifica le indagini usando una tecnica innovativa per studiare l’attentato sui Nebrodi, perizia che ha confermato che tutto ciò è compatibile con quanto dichiarato da chi e’ stato coinvolto nell’attentato“.

Antoci ha in più passaggi puntato l’indice verso la Commissione parlamentare antimafia della Sicilia.

La commissione regionale antimafia si occupa della modalità dell’agguato con un metodo sorprendente, sostituendosi alla magistratura, insinuando dubbi e interrogativi addirittura in contrasto con i documenti dell’autorità giudiziaria“.

Sono rimasto deluso – ha aggiunto – dalle dichiarazioni fatte dal presidente della Commissione (Claudio Fava, ndr) dove definisce le modalità dell’attentato stravaganti; prima dell’audizione il presidente sembrava gia’ convinto delle sue tesi. Io e gli uomini della scorta quella stravaganza ce la porteremo per tutta la vita. E’ umiliante sentire queste parole“.

Poi parlando sempre di Fava rincara la dose: “Il silenzio del presidente della Commissione dopo gli arresti del 15 gennaio contro la mafia dei terreni dei Nebrodi è stato un brutto segnale, chiedere scusa è un atto di grande valore. Scusa non solo a me ma a tutti gli uomini della scorta, alla mia famiglia, ai magistrati e agli uomini delle forze dell’ordine e a chi non c’e’ più come il dottor Granata. Qualcuno dice che il presidente Fava anche uscendo da qui non ha chiesto scusa, allora dico io scusa per l’ignobile spettacolo dato ai cittadini, scusa per non essere morto quella notte con gli uomini della mia scorta, se io fossi morto sono certo che ogni 18 maggio qualcuno sarebbe stato davanti alla lapide usando parole roboanti. So che non sono l’unico ad avere ricevuto fango“.

Antoci dicendosi più volte deluso ha riflettuto: “Cosa penserà un amministratore che decide di denunciare, che è meglio non farlo per non rischiare la solita delegittimazione e mascariamento? La verità arriva sempre anche se provoca tanto dolore“.

Una verità – ha affermato nella conclusione del suo intervento – che qualcuno ha voluto sporcare“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.