Antonio Ricchiari a ilSicilia.it: "La cura dei bonsai è arte viva" | Video Intervista :ilSicilia.it
Palermo

tra i massimi esperti in Italia

Antonio Ricchiari a ilSicilia.it: “La cura dei bonsai è arte viva” | Video Intervista

di
19 Novembre 2019

Guarda la video intervista in alto

Gli incontri che non ti aspetti, spesso, sono veicoli di storie uniche e appassionate: è così che abbiamo conosciuto Antonio Ricchiari, palermitano doc tra i massimi esperti bonsaisti in Italia.

La passione per l’arte dei bonsai nasce, come una folgorazione, a metà degli anni ’70 quando Ricchiari comincia a dedicarsi allo studio delle tecniche.

Antonio Ricchiari

E quando è la passione a governare l’azione i risultati sono eccezionali. Nel 1985 pubblica il Manuale del Bonsai, rieditato recentemente come ci dice nella video intervista.

Da lì a poco seguiranno la Guida al Bonsai e Bonsai la guida più completa, considerato il testo più esauriente fra tutti quelli di settore.

Tra tecnica ed estetica

Dalla tecnica all’estetica il passo è stato breve, sostenuto da decine di altri libri perché il fine ultimo dell’autore è condividere la bellezza di queste “piante privilegiate“.

Come scrisse il maestro bonsaista Kyuzo Murata questo tipo di cura è essenzialmente “amore per gli esseri umani“.

Comprendere i bonsai, ci dice Antonio, è essenzialmente scoprire il significato filosofico e culturale che affonda le sue radici – perdonate il gioco di parole – in due millenni di storia.

Curare un bonsai è un modo di vivere, non è eccessivo dire che coltivarli ti cambia la vita“.

La cura non si discosta, mai, dall’estetica: “Il bonsai è soprattutto estetica che parte da quella orientale ma che si è adattata a i nostri concetti occidentali. Per i Giapponesi estetica significa anche asimmetria”.

Antonio Ricchiari
Antonio Ricchiari

Un esemplare di bonsai realizzato da un maestro comunica molto di più perché un bonsai è come un’opera d’arte: deve trasmettere drammaticità, deve entrare dentro a chi lo guarda.

La cura del bonsai è un’arte viva: dalla dicotomia iniziale, arte o natura, si è approdati – ci dice Antonio Ricchiari –  al binomio indissolubile di ‘arte viva’. E forse non tutti sanno che l’Italia è il secondo, dopo il Giappone, fra i paesi più ferrati sul tema”.

Nell’attesa di pubblicare un altro libro, quasi pronto, Antonio Ricchairi coltiva, da tempo, un desiderio: “Mi piacerebbe organizzare, come è stato possibile in altre regioni d’Italia, qui a Palermo una grande mostra espositiva, di un certo livello culturale, con protagonisti i più bei bonsai“.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin