Ape taxi Palermo, Figuccia: "Cambiare subito gli stalli per la sosta" | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

La segnalazione del consigliere comunale

Ape taxi Palermo, Figuccia: “Cambiare subito gli stalli per la sosta”

di
26 Marzo 2019

Molte delle strade indicate dalla polizia municipale dove gli autisti delle Ape taxi potranno sostare in attesa dei turisti sono quanto meno discutibili, perché lontane da qualunque percorso che abitualmente viene fatto da chi viene in visita nella nostra città”.  Lo afferma Sabrina Figuccia, consigliere comunale di Palermo dell’Udc, che prosegue: “Insieme con i colleghi della settima commissione consiliareRosario Arcoleo, Claudio Volante, Marcello Susinno e Giuseppina Russa – abbiamo già convocato Luigi Galatioto, vicecomandante della polizia municipale e responsabile dell’Ufficio Traffico, con il quale discuteremo la distribuzione degli stalli, alcuni dei quali collocati in strade molto strette o lontanissime da qualsiasi percorso turistico”.

Bene, da un lato, la regolamentazione di un settore dove finora l’anarchia ha sempre regnato sovrana e dove i conducenti dei mezzi l’hanno fatta da padrone, ma, dall’altro lato, è giusto metterli in condizioni di lavorare serenamente con gli strumenti giusti, e non con decisioni cervellotiche che rischiano di creare altro caos” conclude la Figuccia.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Il senso del rossetto

Mi ostino a truccare le mie labbra con il rossetto, anche se in pochi lo vedranno. Si tratta di un atto di ribellione al clima che viviamo e a quella me stessa che, durante il lockdown, indossava sempre gli stessi vestiti ed era arrivata al fondo della sua sciatteria? Ebbene, eravamo solo agli inizi
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

Empatia e dieta

L’importanza della relazione con il professionista della salute, in una dieta per raggiungere il peso desiderabile e la cura delle emozioni. Cos'è l'empatia?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.