17 febbraio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.38
caronte manchette sx e dx dal 28/08 a fine contratto 17/11
caronte manchette sx e dx dal 28/08 a fine contratto 17/11
Palermo

39 anni fa la morte del creatore di Radio Aut

Aperto il casolare in cui venne ucciso Peppino Impastato

9 maggio 2017

Aperto al pubblico il casolare in cui Peppino Impastato venne ucciso, nella notte tra l’8 e il 9 maggio del 1978, a Cinisi, in provincia di Palermo; accade esattamente nel trentanovesimo anniversario della sua morte per mano di Cosa Nostra. L’assessore regionale dei Beni Culturali, Carlo Vermiglio, il sindaco del Comune di Cinisi, Giangiacomo Palazzolo, e Luisa Venuti, proprietaria del casolare, hanno firmato un accordo per valorizzare e aprire al pubblico, in occasione delle giornate commemorative dell’omicidio di Impastato, il luogo simbolo della lotta contro la mafia. Nel casolare rurale, già dichiarato di interesse culturale con Decreto di vincolo del 12 agosto 2014, è in corso un presidio.

Nel pomeriggio, è prevista una marcia che partirà da Radio aut, l’emittente fondata da Peppino Impastato, per arrivare alla casa Memoria Impastato. In serata, dopo l’inaugurazione della Biblioteca Comunale, in quella che e’ stata la casa del boss Badalamenti, verrà proiettato un filmato, di Salvo CucciaLa memoria privata“, realizzato dal Centro Regionale per la Catalogazione e la Documentazione dell’Assessorato dei Beni Culturali che racconta la storia dell’attivista siciliano attraverso la testimonianza del fratello Giovanni Impastato. Il filmato verrà proposto per tutta la giornata del 9 all’aeroporto Falcone e Borsellino.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Non sono mai Bianche

Chi sa quante volte era ritornato su quel posto con la mente. Ci tornava costantemente rivivendo la stessa mattinata, sempre la stessa, per cercare dove quella volta aveva sbagliato. Aveva poco più che trenta anni e lavorava da sempre.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Figlio inferiore e padre superiore

Le paturnie e i pensieri ossessivi sono alimentati dagli oggetti interiorizzati, dalla rappresentazione interna dei genitori, in questo caso, specialmente, del padre, idealizzato come uomo superiore, contro lui che è, invece, l’uomo inferiore.