Discarica Salinella, arriva il decreto per la riapertura | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Agrigento

Definito il passaggio del personale dalla Sogeir alla Srr

Discarica Salinella, arriva il decreto per la riapertura

di
23 Dicembre 2016

La Regione ha autorizzato la riapertura della discarica Salinella-Saraceno di Sciacca e nelle stesse ore è stato definito il passaggio alla Srr dei dipendenti Sogeir; il personale sarà poi mandato, in comando, agli Aro gestiti dai Comuni o, come nel caso di Sciacca, alla ditta che si aggiudicherà il servizio di raccolta dei rifiuti.  Attualmente i lavoratori Sogeir di Sciacca devono riscuotere le mensilità di novembre e dicembre e sono in trepidante attesa ma è nulla in confronti ad altri Comuni nei quali l’arretrato dei dipendenti è assai maggiore. La gara per Sciacca è in fase di espletamento all’Urega di Agrigento mentre in alcuni Comuni il trasferimento è già operativo. “Il decreto della Regione che autorizza la riapertura della discarica di Sciacca è finalmente arrivato – afferma Salvatore Gueli, commissario della SogeirUna bella notizia che ci consente anche notevoli risparmi perché non saremo costretti, per tanti Comuni, a mandare i rifiuti nella discarica di Lentini con costi notevolmente maggiori e per altri, quelli belicini, in impianti del trapanese”.

L’impianto di Sciacca era chiuso da un anno e mezzo e soltanto da qualche mese era stato autorizzato il conferimento di una quota assai limitata dei rifiuti. La Regione autorizza così solo diciassette comuni a servirsi della discarica; un fatto positivo che rallenterà il riempimento della nuova vasca. L’impianto serve, oltre che Sciacca, anche numerosi altri comuni agrigentini come Alessandria della Rocca, Bivona, Burgio, Caltabellotta, Cattolica Eraclea, Cianciana, Menfi, Montevago, Ribera, Sambuca di Sicilia, San Biagio Platani, Santa Margherita Belice, Santo Stefano Quisquina e Villafranca Sicula.

Nel Patto per la Sicilia sottoscritto ad Agrigento dall’ormai ex Presidente del Consiglio, Matteo Renzi, e da Rosario Crocetta, sono previsti anche 23 milioni di euro per la realizzazione della vasca V5 nella discarica Salinella-Saraceno.  Intanto, durante una riunione tra il presidente della Srr, Vincenzo Marinello, ed i rappresentanti dei tre maggiori sindacati Cgil, Cisl e Uil sono stati definiti gli ultimi dettagli riguardanti il passaggio del personale dalla Sogeir alla Srr. “Un fatto molto positivo – commenta Nino Stella, della Uile adesso per i lavoratori speriamo che inizi un periodo di maggiore serenità e che il pagamento, con puntualità, dei loro stipendi venga sempre posto in primo piano”.

Per quanto riguarda la gara per il servizio di raccolta dei rifiuti a Sciacca è prevista un’altra seduta della commissione, prima della fine dell’anno, ma non è detto che vengano completati i lavori. Sono due le ditte che partecipano alla gara, in un appalto da 25 milioni di euro in 7 anni. Le ditte sono la Cesi di Salerno da una parte e la Sea e la Bono di Sciacca dall’altra. La commissione è composta dal presidente dell’Urega Michele Santoro, da un avvocato e due ingegneri oltre all’ingegnere Giuseppe Liotta.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin