Apicoltori, Bandiera: "Annata disastrosa, servono risposte" :ilSicilia.it

La dichiarazione

Apicoltori, Bandiera: “Annata disastrosa, servono risposte”

di
11 Giugno 2021

Produzione di miele di zagara di arancio e di sulla,  quasi azzerata in molte zone della Sicilia. Le perdite di produzione hanno punte anche al 95%. Una vera e propria calamità si è abbattuta, quest’anno, sui produttori siciliani di miele, a causa di tutta una serie di avversità climatiche e meteorologiche che si sono verificate durante il periodo della fioritura delle specie vegetali in questione. Basse temperature, forte vento e, in ultimo, le piogge cariche di sabbia desertica, hanno fortemente compromesso la produzione.

Il comparto Siciliano sviluppa una economica importante che, notoriamente, si caratterizza anche per una produzione di mieli di straordinaria qualità – afferma il deputato regionale Edy Bandiera -. Nella nostra regione sono attive circa 1200 aziende, nel comparto apistico, con oltre 125 mila alverari, facendo della Sicilia la terza regione italiana per numero di aziende e per produzione. 

L’eccezionalità dell’annata, impone misure straordinarie, se non vogliamo lasciare nella disperazione i nostri valorosi produttori e se non vogliamo perdere questo patrimonio eccezionale,  anche dal punto di vista della salvaguardia dell’ambiente e della biodiversità.

Conoscendo la sensibilità del Governo regionale e avendo precisa contezza della capacità del dipartimento agricoltura della regione siciliana, suggerisco di attivare, immediatamente, l’iter di modifica dell’attuale Psr (cosa che già negli scorsi anni abbiamo realizzato più volte, con successo, andando incontro, concretamente, ad alcune emergenze che attanagliavano comparti importanti della nostra agricoltura), creando la sottomisura 10.1.i – ‘Apicoltura per la preservazione della biodiversità’, che consentirebbe di poter erogare aiuti economici che, in base alle economie presenti e ai fondi assegnabili, potrebbero avere importi da 22 a 40 euro ad alverare, con tetti di di 20-30 mila euro, per ogni singola azienda.

Sostenere concretamente le nostre aziende, attraverso l’impiego di fondi comunitari e senza gravare sul bilancio regionale è possibile. Occorre farlo e fare presto“, conclude Bandiera.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin