Appalti, Ance Sicilia: "Anno positivo per il mercato delle opere pubbliche" :ilSicilia.it

in riferimento al periodo gennaio-agosto

Appalti, Ance Sicilia: “Anno positivo per il mercato delle opere pubbliche”

di
28 Dicembre 2020

Nonostante i “lockdown” e gli altri limiti  alle attività imposti dall’emergenza sanitaria, il 2020 è stato un  anno positivo per il mercato delle opere pubbliche in Sicilia.

Secondo  l’Osservatorio delle Costruzioni di Ance Sicilia riferito al periodo gennaio-agosto, gli interventi posti in gara sono stati 1.093 in  numero per 1 miliardo e 95 milioni di euro in valore, con una crescita  rispettivamente del +26,36% e del +16,49% rispetto allo stesso periodo  del 2019. Analogamente, il numero di imprese attestate Soa in Sicilia  è salito da 1.750 a 1.827 nei primi nove mesi di quest’anno, segno di  una ritrovata fiducia da parte degli imprenditori. Secondo le prime  rilevazioni sommarie che saranno elaborate e perfezionate nel prossimo  Osservatorio, il trend positivo delle gare d’appalto verrebbe  confermato anche nell’ultimo scorcio del 2020.

Soddisfatto il presidente di Ance Sicilia, Santo Cutrone: “Malgrado il  vento contrario della burocrazia e una politica nazionale che tarda a  porre il Sud al centro della propria agenda, quest’anno in Sicilia la  curva di caduta degli appalti si è finalmente interrotta dopo una  crisi che durava ininterrottamente dal 2007. La tendenza si è  invertita nel senso della crescita e diamo atto che il merito è  soprattutto del governatore Nello Musumeci e di tutti gli assessori  regionali competenti, in testa l’assessore alle Infrastrutture Marco Falcone, che si sono quotidianamente spesi per favorire in Sicilia la  ripresa del settore edile sbloccando opere ferme da anni e finanziando  tutto ciò che si poteva”. 

“Formuliamo loro l’augurio – conclude Cutrone – di riuscire nel 2021 a  consolidare e a migliorare il ritmo di crescita del mercato delle  infrastrutture, l’unica leva che in Sicilia può favorire la necessaria  ripresa dell’economia e dell’occupazione per recuperare le perdite  provocate dall’emergenza Covid. Ma solo un’adeguata spinta dalle  risorse del ‘Recovery Plan’, del ‘Piano per il Sud 2030’ e dell’Intesa  Stato-Regione sulla rimodulazione del Po Fesr e del Fsc può davvero  portare la Sicilia agli stessi standard del resto del Paese. Per  questo auguriamo anche che si instauri finalmente un responsabile  rapporto di collaborazione fra Roma e Palermo che sia finalizzato, per  buon senso, unicamente al bene dei siciliani”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.