Appello Palermo rinvio al 29 Maggio | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Nulla di fatto solo un rinvio ....

Appello Palermo rinvio al 29 Maggio

di
23 Maggio 2019

Bisognerà attendere ancora un po’ per sapere cosa sarà il futuro del Palermo. La Corte d’Appello Federale ha infatti rinviato l’udienza al 29 maggio perché il presidente Sergio Santoro ha comunicato la propria astensione. Il motivo è un articolo pubblicato quest’oggi da La Repubblica, proprio su Santoro, indagato insieme ad altre trenta persone per presunti casi di corruzione al Consiglio di Stato. Precedentemente erano state ore cruciali e d’attesa, con tanto fermento sull’asse Roma-Palermo. In casa rosanero si attendeva infatti il verdetto che potesse ribaltare la decisione del Tribunale Federale Nazionale, il quale ha condannato, accogliendo le richieste della Procura, i siciliani all’ultimo posto in classifica e alla conseguente retrocessione in serie C.

Nella Capitale era presente anche un buon numero di tifosi, circa 250, che attendevano davanti alla sede della Corte d’Appello, in via Campania 47. Presente il gruppo della Curva Nord 12, così come quello della Curva Nord Inferiore. I tifosi hanno intonato diversi cori e srotolato diversi striscioni (al grido di “Palermo merita rispetto”) a sostegno della causa in cui si trova coinvolto il club rosanero. Tra i supporter presenti a Roma, inoltre, anche il noto attore palermitano Toni Sperandeo. L’udienza, originariamente prevista per le 14,30, aveva già subìto un primo slittamento alle 16.30.

Anche la proprietà, rappresentata dai fratelli Tuttolomondo, si era presentata presso la sede della Corte d’Appello e si sono intrattenuti proprio con i tifosi prima di raccontare le proprie impressioni: «Porteremo avanti le nostre istanze con mezzi leciti e leali fino in fondo. Non sono né ottimista né pessimista – ha spiegato il direttore finanziario di Arkus Network –, facciamo quello che dobbiamo fare. Il presidente del Collegio e il procuratore capo sono persone che meritano, fino a prova contraria, rispetto, stima e considerazione». Sui tifosi presenti a Roma, Salvatore Tuttolomondo ha proseguito: «Una grande dimostrazione d’affetto e una grande segno di responsabilità per tutti noi e anche per tutti coloro che credono nei valori del club rosanero. Siamo qui a lottare anche per loro e lo faremo fino in fondo. Il Palermo non è una vittima sacrificale, non ci sentiamo così, non ci appartiene».

Da parte di Tuttolomondo era comunque filtrato un certo ottimismo: «Io vedo sempre il bicchiere mezzo pieno, posso solo dire che l’ottimismo lo impieghiamo nel proseguire. Qualunque sia l’esito le sentenze non si commentano, la accoglieremo qualunque essa sia. Relativamente alla decisione del Tar, il Palermo è l’ago della bilancia». Quest’ultima considerazione deriva dal fatto che, intanto, il Tar del Lazio ha deliberato di sospendere, in maniera cautelare, l’annullamento dei play out di Serie B disposto dalla Lega B una decina di giorni fa. Dunque speranze per il Foggia e attesa da parte di Salernitana e Venezia. Tutto però girerà attorno al ricorso del Palermo alla Corte d’Appello Federale.

Ora il rinvio al 29 Maggio ..

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin