Apprendi: "Mafia, tangenti e corruzione. Sicilia macchiata dai colletti bianchi" :ilSicilia.it

L'esponente di Liberi e Uguali

Apprendi: “Mafia, tangenti e corruzione. Sicilia macchiata dai colletti bianchi”

di
13 Marzo 2018

«Gli ultimi arresti, per corruzione sui lavori dell’autostrada e per avere favorito la latitanza del capomafia Messina Denaro, sono lo spaccato della nostra società che coinvolge tutti gli strati sociali, senza distinzione alcuna. Imprenditori, professionisti, burocrati». Lo dice Pino Apprendi di Liberi e Uguali.

«Ormai è stato oltrepassato ogni limite, non vi è settore della Pubblica Amministrazione indenne e ciò che viene fuori è il coinvolgimento di personaggi che hanno trovato spazio nella gestione della spesa pubblica ad alti livelli. Ogni giorno magistrati e forze dell’ordine sono impegnati in importanti operazioni, con risultati eccellenti. Ma se reati di questa portata, continuano a proliferare, sicuramente, qualcosa non funziona nella macchina che regola il servizio pubblico», conclude Apprendi.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.