Apprendi: "Mafia, tangenti e corruzione. Sicilia macchiata dai colletti bianchi" :ilSicilia.it

L'esponente di Liberi e Uguali

Apprendi: “Mafia, tangenti e corruzione. Sicilia macchiata dai colletti bianchi”

di
13 Marzo 2018

«Gli ultimi arresti, per corruzione sui lavori dell’autostrada e per avere favorito la latitanza del capomafia Messina Denaro, sono lo spaccato della nostra società che coinvolge tutti gli strati sociali, senza distinzione alcuna. Imprenditori, professionisti, burocrati». Lo dice Pino Apprendi di Liberi e Uguali.

«Ormai è stato oltrepassato ogni limite, non vi è settore della Pubblica Amministrazione indenne e ciò che viene fuori è il coinvolgimento di personaggi che hanno trovato spazio nella gestione della spesa pubblica ad alti livelli. Ogni giorno magistrati e forze dell’ordine sono impegnati in importanti operazioni, con risultati eccellenti. Ma se reati di questa portata, continuano a proliferare, sicuramente, qualcosa non funziona nella macchina che regola il servizio pubblico», conclude Apprendi.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin