Approvato il bilancio interno dell'Ars, Sala d'Ercole risparmierà 4,5 milioni in tre anni :ilSicilia.it

La manovra finanziaria entra nel vivo

Approvato il bilancio interno dell’Ars, Sala d’Ercole risparmierà 4,5 milioni in tre anni

di
1 Febbraio 2019

Sala d’Ercole ha approvato il bilancio interno dell’Ars e ha iniziato la discussione del Bilancio della Regione Siciliana. Il deputato questore Giorgio Assenza ha illustrato il bilancio interno dell’Ars. Si tratta di un documento contabile da 137 milioni 500 mila euro. Diminuiscono di 1,5 milioni i trasferimenti della Regione Siciliana all’Ars. Così anche per il 2020 e il 2021, per un totale di 4,5 milioni in tre anni.

La stretta ai cordoni della spesa ha portato l’Assemblea regionale siciliana al risparmio di circa 25 milioni di euro rispetto al 2013. Da quell’anno, infatti, si è passati da 162 milioni di euro, appunto, ai 137 milioni del bilancio interno approvato a Sala s’Ercole.

Continuiamo un percorso virtuoso iniziato da diversi anni, caratterizzati dal contenimento della spesa – ha detto Assenza durante la sua relazione –, il tutto senza compromettere il funzionamento dell’Assemblea.  Le riduzioni di spesa più significative sono quelle relative alle spese per assegni vitalizi, che si riduce da 19.800.000 euro a 18.500.000 euro su base annua, grazie all’adozione nel 2012 del sistema contributivo pro rata, che ha consentito un progressiva riduzione della relativa spesa. Tale riduzione viene confermata alle voci degli emolumenti ai dipendenti di ruolo che da 36.850.000 euro nel 2013, scende nel 2018 a 25 milioni di euro, importo leggermente ridotto rispetto a quello iscritto in bilancio per il 2018 (- 110 mila euro). Da sottolineare la diminuzione dei costi per il personale in quiescenza, che registra una diminuzione di 700 mila euro su base annua.“. Uno è già stato bandito, per 11 posti ai vertici dell’amministrazione dell’Ars.

Dopo la relazione di Assenza, commento sapido del Presidente dell’Ars: “Qui i tetti agli stipendi dei dirigenti sono stati approvati, alla Camera e al Senato no – ha sottolineato il presidente Gianfranco Micciché -. Ringrazio l’interno personale dell’Assemblea siciliana, spero che qualche trasmissione a livello nazionale ne prenda atto“.

Il presidente della commissione Bilancio Riccardo Savona ha invece illustrato la manovra di bilancio. Subito dopo l’approvazione del bilancio interno è iniziata la discussione del Bilancio della Regione a Sala d’Ercole.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

“La casa di carta”, da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin