Aran Sicilia, Messina(Ugl): "Chiediamo azzeramento vertici e confronto su agenzia negoziale" :ilSicilia.it

la dichiarazione

Aran Sicilia, Messina(Ugl): “Chiediamo azzeramento vertici e confronto su agenzia negoziale”

di
11 Giugno 2021

“Chiediamo al presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, l’azzeramento dei vertici dell’Aran Sicilia e l’apertura di un confronto con le Organizzazioni sindacali rappresentative nel Pubblico Impiego regionale sul futuro dell’Agenzia negoziale in Sicilia. La decisione responsabile dell’Ugl matura a seguito di quanto accaduto in tema di Progressione Economica Orizzontale (PEO) e nello specifico sul processo decisionale assunto dall’amministrazione regionale in aperto contrasto con l’accordo PEO siglato in sede ARAN Sicilia dalle Organizzazioni sindacali rappresentative nel Pubblico Impiego Regionale in data 27 dicembre 2019 che indicava precisi criteri per la progressione interna della categoria del Comparto dei dipendenti della Regione Siciliana, poi disatteso e sull’attività della Commissione Paritetica per la riclassificazione e riqualificazione del personale del Comparto della Regione Siciliana, costituitasi nel luglio 2019,  che a quasi due anni dalla nascita non ha ancora posto in essere alcunchè”, dichiara Giuseppe Messina Segretario Ugl Sicilia.

“Siamo profondamente preoccupati e chiediamo chiarezza sui fatti che hanno portato allo stop improvviso sul  processo di storicizzazione della spesa del personale appartenente al cosiddetto “bacino ASU” della Regione siciliana a seguito di contestazione del MEF che ha lasciato basiti per la maniera in cui è arrivata.
Contestazioni incomprensibili per le quali chiediamo che il governo regionale faccia chiarezza sul livello di responsabilità amministrativa oltre che politica a Roma.
Nel condividere il percorso politico e amministrativo attuato sugli Asu dall’assessore regionale al Lavoro, Antonio Scavone e dal dirigente generale Gaetano Sciacca, da Roma qualcuno deve assumersi la responsabilità di fornire risposte chiare sul perché della contestazione presentata dal Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato con nota prot. 149419 del 27/05/2021 all’articolo 36 della legge regionale n.9/2021 che detta indirizzi volti a favorire il superamento del precariato in Sicilia, prevedendo l’assunzione a tempo indeterminato dei lavoratori, di cui all’articolo 1, comma 2, del d.lgs. 81/2000 (soggetti impegnati in progetti di lavori socialmente utili), nonché  all’articolo 3, comma 1, del d.lgs. n.280/1997 (soggetti impegnati in lavori di pubblica utilità), già oggetto di controdeduzione del Dirigente generale del Dipartimento regionale del Lavoro con nota prot. n.22899 del 07/06/2021″ conclude Messina.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.