Archeologia, a Palermo esposto per la prima volta il "Kouros ritrovato" | VIDEO :ilSicilia.it
Banner Bibo
Palermo

Fino al 13 gennaio 2019

Archeologia, a Palermo esposto per la prima volta il “kouros ritrovato” | VIDEO

di
11 Novembre 2018

Guarda il video in alto 

Era stato proprio Vittorio Sgarbi, all’epoca assessore regionale ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana, a proporre e promuovere, sotto suggerimento di Sebastiano Tusa, che poi prese il suo posto nel ruolo istituzionale, in sinergia con il Comune di Catania, l’assemblaggio della Testa Biscari e del torso del kouros di Lentini ritenuti, già dal 1927, parti della stessa opera.

Il kouros, statua greca raffigurante solitamente un giovane, era una forma d’arte con funzione funeraria o votiva molto diffusa nel periodo arcaico e classico, tra il VII e il V secolo avanti Cristo; le due parti erano state rinvenute in epoche diverse, il torso a Lentini in provincia di Siracusa nel 1908, la testa nel ‘700 e, successivamente, esposte separatamente a Siracusa al Museo archeologico Paolo Orsi e a Catania al Museo civico di Castello Ursino.

Il primo ad affermare con sicurezza che si trattasse di parti della stessa statua fu nel 1927 Guido Libertini.

Kouros ritrovato

Con il sostegno di Fondazione Sicilia, l’intesa con l’Assessorato e con i Comuni di Siracusa e Catania oggi l’opera vive sotto nuova luce e bellezza: dopo il restauro conservativo, condotto nei laboratori del Centro Regionale Progettazione e Restauro della Regione Siciliana, e l’unione delle due parti, adagiate su un basamento monolitico in grigio di Billemi, opera di Giacomo Rizzo, il kouros ritrovato rimarrà esposto fino al 13 gennaio 2019 a Palazzo Branciforte, nella Sala della Cavallerizza, in un ideale dialogo con la collezione archeologica permanente.

Le evidenze scientifiche confermano l’appartenenza dei due reperti a un’unica scultura – ha detto l’assessore Tusa, curatore anche dell’esposizione – e il loro ricongiungimento costituisce a tutti gli effetti un nuovo ritrovamento archeologico che arricchisce il patrimonio culturale della Sicilia. La multidisciplinarità con la quale abbiamo operato è stata l’arma vincente: il meglio delle conoscenze scientifiche messe in campo per un risultato straordinario”.

Raffaele Bonsignore

Da questo momento in poi l’opera continuerà a essere concepita come una realtà unitaria, non più come due distinti reperti conservati in musei diversi: dopo Palermo il kouros sarà infatti esposto, già da febbraio 2019, al Museo civico di Catania per poi essere trasferito a Siracusa, al Museo archeologico Paolo Orsi, dove un convegno internazionale concluderà l’evento.

Con il sostegno a questa iniziativa – ha concluso il presidente di Fondazione Sicilia, Raffaele Bonsignoreabbiamo contribuito a riportare in vita un’opera di straordinaria bellezza che, nella nuova unione, rappresenta un bene collettivo non più della singola città“.

Tra i professionisti impegnati nell’opera di recupero: Lorenzo Lazzarini, Fabrizio Agnello, Filippo Cucco, l’Associazione culturale LapiS e la SIQILLIYA srl, incaricata del restauro e dell’allestimento.

Allo svelamento del “nuovo reperto archeologico” era presente anche Vittorio Sgarbi che, in questa occasione, ha annunciato un’altra azione che intende promuovere, che interesserà la cornice ritrovata della Chiesa dello Spasimo di Palermo.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti