Archeologia: scoperta a Selinunte una costruzione sacra del VII secolo a.C. :ilSicilia.it
Trapani

frutto della collaborazione tra l'università di Milano e di New York

Archeologia: scoperta a Selinunte una costruzione sacra del VII secolo a.C.

4 Luglio 2019

La tredicesima campagna di scavo della missione sull’Acropoli di Selinunte dell’Universita’ Statale di Milano e della New York University, in convenzione con il Parco Archeologico di Selinunte, ha riportato alla luce una struttura sacrale con deposizioni votive di un palco di cervo rosso perfettamente conservato e corna di toro adulto di grandi dimensioni, oltre ad altre deposizioni votive in oro, argento e avorio.

La campagna di scavo, fortemente internazionale e interdisciplinare, si e’ svolta tra il 7 giugno e il 5 luglio 2019 e ha incluso piu’ di cinquanta componenti, tra studenti ed esperti, da otto diversi Paesi. E’ stata diretta da Clemente Marconi, docente di Archeologia classica presso il Diparttimento di Beni Culturali e Ambientali dell’Universita’ degli Studi di Milano.

Lo scavo si e’ concentrato sull’approfondimento delle due trincee aperte lo scorso anno lungo il lato sud del Tempio R (Saggio S) e tra il lato ovest del Tempio R e il lato sud del Tempio C (Saggio R) e ha prodotto risultati della massima importanza, relativamente alle fasi piu’ antiche di occupazione greca del grande santuario urbano e alle attivita’ associate alla costruzione prima del Tempio R e poi del Tempio C.

La missione ha portato alla luce la fronte ovest di un edificio di culto, una struttura rettilinea con fondazione in schegge di calcare e elevato in mattoni crudi la cui fronte est era stata identificata nel 2010.

L’edificio aveva una lunghezza di 4.5 m, ed era posizionato subito a est del più recente Tempio R, con lo stesso orientamento est-ovest.

Databile nell’ultimo quarto del VII secolo a.C., la struttura e’ stata rasata con cura in occasione della costruzione del Tempio R nel primo quarto del VI secolo a.C.

Sulla base della collocazione e dei materiali associati a questo edificio, tra i piu’ antichi di fase greca fin qui identificati a Selinunte, aveva con ogni probabilita’ una funzione sacrale. Particolarmente notevole è stato il rinvenimento, nello strato di preparazione dell’area circostante, della deposizione votiva di un palco di cervo rosso (Cervus Elaphus) appartenuto ad un animale adulto e perfettamente conservato.

Infine, il saggio tra Tempio R e Tempio C ha permesso di mettere completamente in luce le fondazioni di quest’ultimo edificio, rivelando come la pendenza attuale di questo settore dell’acropoli sia stata realizzata artificialmente in occasione della costruzione di questo grande tempio monumentale. I livelli associati alla realizzazione del Tempio C sono perfettamente conservati, e offrono documentazione preziosa per la definizione del processo di costruzione, inclusa la realizzazione delle fondazioni e del crepidoma.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.