22 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 20.11
Trapani

frutto della collaborazione tra l'università di Milano e di New York

Archeologia: scoperta a Selinunte una costruzione sacra del VII secolo a.C.

4 Luglio 2019

La tredicesima campagna di scavo della missione sull’Acropoli di Selinunte dell’Universita’ Statale di Milano e della New York University, in convenzione con il Parco Archeologico di Selinunte, ha riportato alla luce una struttura sacrale con deposizioni votive di un palco di cervo rosso perfettamente conservato e corna di toro adulto di grandi dimensioni, oltre ad altre deposizioni votive in oro, argento e avorio.

La campagna di scavo, fortemente internazionale e interdisciplinare, si e’ svolta tra il 7 giugno e il 5 luglio 2019 e ha incluso piu’ di cinquanta componenti, tra studenti ed esperti, da otto diversi Paesi. E’ stata diretta da Clemente Marconi, docente di Archeologia classica presso il Diparttimento di Beni Culturali e Ambientali dell’Universita’ degli Studi di Milano.

Lo scavo si e’ concentrato sull’approfondimento delle due trincee aperte lo scorso anno lungo il lato sud del Tempio R (Saggio S) e tra il lato ovest del Tempio R e il lato sud del Tempio C (Saggio R) e ha prodotto risultati della massima importanza, relativamente alle fasi piu’ antiche di occupazione greca del grande santuario urbano e alle attivita’ associate alla costruzione prima del Tempio R e poi del Tempio C.

La missione ha portato alla luce la fronte ovest di un edificio di culto, una struttura rettilinea con fondazione in schegge di calcare e elevato in mattoni crudi la cui fronte est era stata identificata nel 2010.

L’edificio aveva una lunghezza di 4.5 m, ed era posizionato subito a est del più recente Tempio R, con lo stesso orientamento est-ovest.

Databile nell’ultimo quarto del VII secolo a.C., la struttura e’ stata rasata con cura in occasione della costruzione del Tempio R nel primo quarto del VI secolo a.C.

Sulla base della collocazione e dei materiali associati a questo edificio, tra i piu’ antichi di fase greca fin qui identificati a Selinunte, aveva con ogni probabilita’ una funzione sacrale. Particolarmente notevole è stato il rinvenimento, nello strato di preparazione dell’area circostante, della deposizione votiva di un palco di cervo rosso (Cervus Elaphus) appartenuto ad un animale adulto e perfettamente conservato.

Infine, il saggio tra Tempio R e Tempio C ha permesso di mettere completamente in luce le fondazioni di quest’ultimo edificio, rivelando come la pendenza attuale di questo settore dell’acropoli sia stata realizzata artificialmente in occasione della costruzione di questo grande tempio monumentale. I livelli associati alla realizzazione del Tempio C sono perfettamente conservati, e offrono documentazione preziosa per la definizione del processo di costruzione, inclusa la realizzazione delle fondazioni e del crepidoma.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.