Architettura, “Open Studi Aperti”: la mostra alla Real Cantina di Partinico :ilSicilia.it
Palermo

il 24 e 25 maggio

Architettura, “Open Studi Aperti”: la mostra alla Real Cantina di Partinico

di
23 Maggio 2019

Anche l’Ordine degli Architetti di Palermo partecipa a “Open Studi Aperti”, l’iniziativa del Consiglio nazionale Architetti per diffondere la cultura architettonica.

 Quaranta gli studi che hanno aderito e che esporranno alcuni dei loro lavori in un’unica collettiva alla Real Cantina Borbonica di Partinico (via principe Umberto 312 Partinico Pa), recuperata alcuni anni fa da un sapiente intervento architettonico e diventata luogo di mostre e cultura. Ottantasei i progetti in mostra con studi presenti su tutto il territorio palermitano. La mostra sarà visitabile domani e dopodomani, 24 e 25 maggio, dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 20.

Parallelamente durante le due giornate si svolgeranno una serie di eventi sul tema dell’architettura. Si inizia il 25 mattina alle 10 con un Laboratorio di architettura per bambini a cura di Marzia Messina con la partecipazione degli studenti dell’Istituto Comprensivo Cassarà-Guida.

Alle 16,30 si terrà invece la presentazione del libro di Ivana ElmoSicilia architettura. Itinerari tra paesaggi e habitat” con il coordinamento di Isabella Daidone, consigliere dell’Ordine.

Oltre all’autrice, interverranno: il consigliere dell’Ordine Mario Chiavetta  e l’architetto Marcello Panzarella, professore all’Università di Palermo.

In apertura, i saluti istituzionali del presidente della Proloco,  Benedetto Coniglio e del presidente dell’Ordine degli Architetti di Palermo, Francesco Miceli.

Alle 18,30 un nuovo appuntamento con la tavola rotonda “In che modo l’architettura influenza le trasformazioni del territorio?”.

Interverranno: Benedetto Coniglio, presidente della Proloco; Francesco Miceli, presidente dell’Ordine degli Architetti di Palermo; Isabella Daidone, consigliere dell’Ordine; il senatore Francesco Mollame; Amico Dolci, presidente Centro per lo Sviluppo Creativo “Danilo Dolci”; Mario Chiavetta, Architetto, consigliere OAPPCPA; Santo Giunta, architetto, professore Unipa; Antonietta Iolanda Lima, architetto, professore Unipa; Marcello Panzarella, architetto, professore Unipa; Giuseppe Pellitteri, architetto, professore Unipa; Nicola Piazza, architetto; Giuseppe Di Prima, architetto; Sebastiano Provenzano, architetto; Michele Sbacchi, architetto, professore Unipa. In chiusura, degustazione dei vini delle Cantine Tola.

Il programma fa parte dei 900 eventi di “Open Studi aperti” che si svolgeranno  in contemporanea in oltre 90 Province del Paese. Una voce corale quella di Open Studi Aperti per ribadire il ruolo di protagonista dell’architetto negli interventi che riguardano lo spazio pubblico e privato, la sua responsabilità nel dare un contributo decisivo nel risolvere le questioni sociali, economiche e culturali che riguardano le città ed i territori.

Partecipano alla collettiva gli Studi di architettura:

AAMP – Oreste Marrone – Gualtiero Parlato / Silvia Arcidiacono / AutonomeForme – Lucia Pierro – Marco Scarpinato / Carola Arrivas Bajardi / Daniele Balsano / Ignazio Buscio / Angelo Catania / Martina Cardella / Mario Chiavetta / Collodoro – Puccio / Michele Cucchiara / Isabella Daidone / Giovanna D’attardi – Daniela Inzerillo / Studio De Francisci / Maurizio De Luca / Didea / Gaia Girgenti / Santo Giunta & Partners / Giorgio La Leta / Flora La Sita / Li Bianchi – Galvano / Giuseppe Libreri / Antonietta Iolanda Lima / Alessio Lo Bello / Maria Eliana Madonia / Studio Mame – Marzia Messina / Piergiorgio Miserendino / Marcello Panzarella / Giuseppe Pellitteri / Nicola Piazza / Gianluca Porrello / Rosario Prainito / Sebastiano Provenzano / Dario Salamone / Michele Sbacchi / Squar-E – Francesco Briguglia – Giuseppe Di Prima / Studio Cangemi / Studio Forward palermo – Diego Emanuele / Francesco Taormina / Paolo Venturella – Silvana Chirco – Cinzia De Luca

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin